Rubriche archiviate per: MOTORI

Novità in arrivo per il mondo delle automobili: il magazine Full Optional

L’automobile fa parte della vita quotidiana della maggior parte degli Italiani. Ciascun automobilista ha necessità di occuparsi della revisione auto, di stipulare l’assicurazione, di occuparsi della manutenzione. Automobile.it, piattaforma di compravendita di auto usate di proprietà del gruppo ebay, lancia il nuovo magazine Full Optional, disponibile a questo link, che si pone l’obiettivo di rispondere a curiosità e dubbi dell’automobilista che utilizza il mezzo nella vita di tutti i giorni.

Sapere come funziona il motore, come cambiare i filtri o come montare le catene da neve sarà un gioco da ragazzi, anche per chi non ha molta dimestichezza con la meccanica. In più il magazine promette di appassionare il guidatore comune con notizie sugli ultimi trend dell’auto (ad esempio auto ibride o self driving cars), pillole utili per semplificare la compravendita e curiosità per godersi al meglio i viaggi on the road.

Con il Magazine puntiamo a presidiare l’intero processo di acquisto di un’auto online, arricchendo automobile.it con dei contenuti che vadano a coprire la coda lunga delle ricerche dei nostri utenti, al fine di guidarli e facilitare una selezione consapevole del veicolo più adatto alle loro esigenze. L’obiettivo finale è quello di diventare rilevanti nelle opzioni di scelta del nostro target, incrementando gradualmente la brand consideration e la domanda organica” ha dichiarato Francesca Di Nora – Head of Marketing eBay Classifieds Group Italia.

Il nuovo prodotto editoriale nasce dunque con l’obiettivo di aiutare tutti gli automobilisti ad affrontare le gioie (e le noie) che caratterizzano il loro rapporto quotidiano con le auto e con la guida.

Il magazine non si rivolge solo a un pubblico di appassionati di automotive ma vuole dialogare con tutti, a partire da chi, animato da passione o da necessità, vuole soddisfare le proprie curiosità in materia. Per farlo utilizzerà, oltre ai classici articoli, formati ingaggianti e immediatamente fruibili come infografiche, white paper, gallerie interattive e mini video.

Il payoff scelto per il magazine lo rappresenta al meglio. Il magazine “Full Optional”, definizione mutuata, non certo a caso, dal gergo automobilistico, è un magazine capace di dare le informazioni e gli strumenti di cui tutti abbiamo bisogno quando ci troviamo ad avere a che fare con l’auto.

Da un punto di vista editoriale, il magazine è organizzato in cinque categorie: News, Comprare e vendere, Cura e manutenzione, Pratiche Auto, In Viaggio. L’obiettivo è quello di coprire tutte le fasi del “ciclo di vita” dell’automobilista: dal momento in cui pensa di acquistare un’auto, nuova o usata, a quando decide di venderla o di rottamarla. Nel mezzo, tante informazioni sull’utilizzo quotidiano dell’auto, sulla manutenzione necessaria, sui documenti da portare con sé e sui migliori viaggi on the road da fare.

Il Magazine Full Optional 01

Al Volvo Studio Milano il primo appuntamento di Vision 2020 Talks.

IL VOLVO STUDIO MILANO HA OSPITATO IERI IL PRIMO APPUNTAMENTO DI VISION 2020 TALKS, CICLO DI INCONTRI PROMOSSI DA VOLVO CAR ITALIA SU FUTURO E INNOVAZIONE CON AL CENTRO LE PERSONE

  • Protagonista del primo incontro è stato lo chef stellato Claudio Sadler, che ha parlato delle tendenze in tema Food e ha presentato il suo libro edito da Giunti Editore “I Miei Nuovi Menu”. La serata è stata condotta da Adua Villa, sommelier ed esperta di gastronomia, e trasmessa in diretta su Facebook.
  • Vision 2020 Talks costituisce un concept innovativo di comunicazione sui trenddella società anche in ambiti diversi da quello automotive nel quale protagoniste sono persone e idee capaci di rendere human centric gli scenari futuri che ci attendono.
  • Il titolo della serie di incontri è derivato da Volvo Vision 2020, approccio che combina Mobilità Sostenibile e Sicurezza puntando all’azzeramento della mortalità per incidente stradale a bordo di una nuova Volvo per l’anno 2020.
  • Con il primo incontro Vision 2020 Talks il Volvo Studio #milano offre un ulteriore esempio significativo dell’apertura intellettuale di Volvo e della propria funzione a favore della divulgazione della Cultura non solo dell’Auto e del dialogo con le persone.

Il ciclo Vision 2020 Talks risulta perfettamente in linea con l’attitudine di Volvo – improntata da sempre a valori quali proiezione verso il futuro, pensiero originale e avanzato, autenticità e attenzione verso l’individuo e la società intesa come insieme di persone – e con la Vision 2020 che lo ispira. I protagonisti degli incontri hanno in comune la capacità di preconizzare il futuro e di concretizzare la loro visione attraverso soluzioni e idee frutto di innovazione e attenzione al dettaglio. Gli incontri del ciclo avranno temi che spaziano dal Food allo Sport, dalla Musica alla Cultura, dalla Scienza alla #tecnologia, dall’Arte allo Spettacolo. La Vision 2020 fornisce anche lo spunto per definire il format degli incontri, che prevedono dialoghi basati su 20 domande e 20 risposte.

Mi è sembrato un ottimo inizio per i nostri incontri Vision 2020 Talks”, ha dichiarato Chiara AngeliDirettore Sales & Marketing Volvo Car Italia. “Abbiamo pensato questo format partendo dall’idea che il Volvo Studio #milano possa essere il luogo ideale per far incontrare personaggi che abbiano storie da raccontare e visioni sul futuro e chi si ritrova ad avere domande o dubbi rispetto a ciò che ci aspetta. In questo momento l’auto catalizza l’attenzione di tutti disegnando un domani a dir poco rivoluzionario; analogamente, anche il Food è un tema forte dei trend di costume. Dall’incontro di questi due mondi è uscita una serata stimolante. Contiamo che sia solo il primo di una serie di momenti di condivisione ricchi di contenuti che verranno ospitati dal Volvo Studio Milano”.

Sono lusingato che Volvo abbia scelto me per inaugurare questa serie d’incontri,” ha dichiarato Chef Sadler. “Le occasioni per divulgare le mie conoscenze in cucina sono sempre state un tassello fondamentale nella mia carriera che mi hanno portato a insegnare nelle scuole alberghiere, prima, e a scrivere 7 libri negli ultimi 20 anni, l’ultimo dei quali pubblicato da Giunti lo scorso ottobre e intitolato “I Miei Nuovi Menu”. Grazie, dunque, a Volvo per questa nuova, importante possibilità di entrare in contatto diretto con il grande pubblico”.


Vision 2020 e l’impegno Volvo a favore della Sicurezza

Volvo Vision 2020 costituisce l’approccio filosofico e progettuale che identifica, in sintesi, la visione di Volvo sulla futura Mobilità Sostenibile intesa come integrazione con la Sicurezza, da sempre valore cardine dei prodotti e del mondo Volvo.

“A partire dal 2020 nessuno dovrà morire o rimanere gravemente ferito in una nuova auto Volvo”: questa la Volvo Vision 2020 così come venne annunciata da Håkan Samuelsson, Presidente e CEO di Volvo Cars.

Oggi, oltre un milione di persone perde la vita ogni anno a causa di incidenti stradali in tutto il mondo. Volvo da sempre adotta un approccio basato sull’analisi di situazioni di traffico real-life. Attraverso il suo Traffic Accident Research Team fin dal 1970 la Casa studia accuratamente i sinistri che coinvolgono una vettura Volvo per raccogliere dati fondamentali per lo sviluppo dei sistemi di Sicurezza delle auto. Proprio la progressiva implementazione di tali sistemi sta conducendo Volvo in perfetta tabella di marcia verso il risultato sancito dalla Vision 2020, in perfetto equilibrio fra Filosofia e Ricerca, per dare concretezza al concetto di Sicurezza.

Volvo Studio Milano, finestra su valori di brand e mobilità sostenibile

Il Volvo Studio è un concept globale di Volvo Car Group che trova a  Milano la prima applicazione. Il Volvo Studio Milano è stato inaugurato nel corso del 2017 ed è concepito come un raffinato ed elegante ambiente di ispirazione scandinava nel quale il pubblico incontra Volvo e i suoi valori entrando in un mondo fatto di tecnologia innovativa, sicurezza e attenzione all’ambiente, design, eleganza e lusso scandinavo. La Casa automobilistica racconta sé stessa e raccoglie le opinioni del pubblico sugli scenari della mobilità di domani.

In tal senso, il Volvo Studio Milano vuole essere una finestra sulla città di Milano  a favore della Mobilità Sostenibile. Da sempre la città è simbolo del gusto, del design e della moda, Milano è oggi anche un esempio di sviluppo urbanistico efficace. Da qui la scelta di aprire proprio nel cuore della nuova città il primo Volvo Studio, nel quale raccontare il viaggio di Volvo verso la mobilità del futuro.

Porsche utilizza l’inno-space per definire nuovi benchmark qualitativi

Negli ultimi 70 anni, porsche è sempre stata sinonimo di auto sportive di livello elevatissimo, realizzate all’insegna di uno standard di qualità d’eccellenza. Circa due terzi di tutti i veicoli porsche prodotti negli anni sono ancora idonei alla circolazione. Nell’area dedicata all’innovazione e denominata Inno-Space, di recente inaugurata presso lo stabilimento di Lipsia, porsche sta mettendo a punto il suo approccio futuro al quality management. La prima innovazione verrà collaudata proprio durante questo febbraio: si tratta del test che valuta il ‘look & feel’ della vettura attraverso la realtà aumentata. Il test, al momento ancora in fase sperimentale, verrà integrato nel processo di produzione entro la fine di quest’anno e costituirà uno strumento rapido e affidabile per individuare gli scostamenti dal livello di perfezione predeterminato, consentendo risparmi di tempo e un notevole incremento della qualità di analisi.

L’Inno-Space è una sorta di interfaccia fra il presente e il futuro delle attività di quality management. Fondamentalmente, consente lo sviluppo e il consolidamento delle innovazioni così che possano essere trasferite nei processi di produzione in serie in stabilimento. In quest’area è possibile simulare un ambiente informatico dedicato che riproduce le condizioni di fabbrica e può successivamente essere collegato, in modalità controllata, ai processi di lavorazione reali per consentire l’integrazione delle nuove funzioni nel processo produttivo. Queste nuovissime tecnologie, app e processi sono stimolati da un team IT interno che lavora in stretta collaborazione con gli specialisti in gestione della qualità. “Nell’Inno-Space possiamo sviluppare e testare idee e concetti innovativi senza dover sconvolgere i normali processi dello stabilimento”, spiega Albrecht Reimold, membro del comitato esecutivo di porsche AG e responsabile Produzione & Logistica. L’ambiente protetto viene utilizzato per collaudare le innovazioni che serviranno per il quality management di domani. Il team collabora con numerose università e start-up: insieme a GTV, una start-up di Dresda, porsche ha collaudato ad esempio l’utilizzo della realtà aumentata (AR) come piattaforma tecnica per il controllo di qualità.

Il test di valutazione del ‘look & feel’ basato sull’AR è un esempio tipico di come le innovazioni generate all’interno dell’Inno-Space vengono sviluppate e poi implementate. GTV ha collaborato con l’organizzazione di ricerca Fraunhofer per realizzare una app che prende i difetti rilevati durante il test ‘look & feel’ e li sovrappone a un’immagine del veicolo in ogni singola fase del processo di produzione. Una volta inseriti nella app tutti i dati CAD del veicolo e aver posizionato la telecamera di un tablet sul componente, l’immagine CAD viene sovrapposta all’immagine reale ed eventuali difetti o scostamenti risultano immediatamente visibili. Il database contiene inoltre dettagli di altri parametri, come ad esempio i punti di giunzione. Anche in questo caso, un confronto fra l’immagine reale e l’immagine CAD evidenzia all’istante le eventuali aree di giunzione che non soddisfano lo standard prefissato. Un altro vantaggio è rappresentato dal fatto che il processo di test può essere trasmesso in streaming in tempo reale alla sede di qualsiasi partner o stabilimento. Al contempo, i difetti rilevati vengono archiviati nel database centrale dello stabilimento e resi disponibili in tutto il mondo. “Ciò significa che potremo beneficiare di numerosi vantaggi che si estendono ben oltre il semplice processo di test”, precisa Andreas Schmidt, Responsabile della Qualità presso lo stabilimento porsche di Lipsia e incaricato dell’implementazione del progetto di realtà aumentata in collaborazione con gli istituti di ricerca. “Il fatto che il tablet sia collegato in rete ci permette di svolgere attività come, ad esempio, le ispezioni di qualità presso i nostri fornitori mediante video-conferenza, con tempi di preavviso brevi.”

Innovazioni di questo genere consentono a porsche di far evolvere costantemente il suo approccio al quality management, in molti casi definendo nuovi parametri di riferimento per gli altri. “L’eccellenza qualitativa è una componente fondamentale dell’identità del marchio porsche, oltre che un valore aggiunto atteso dai nostri clienti”, conclude Frank Moser, Direttore corporate Quality di porsche. “La qualità garantita da porsche è il risultato di un lavoro svolto con grande impegno e accompagnato in ogni fase di progetto e area di sviluppo da un’estrema precisione esecutiva e da un’appassionata ricerca della perfezione. Quando si tratta di qualità, ci sforziamo di curare ogni minimo dettaglio: è questo l’approccio che contraddistingue il marchio porsche.”

Milano, 24 Maggio  2016 – Una finale combattutissima, in perfetto clima Euro2016, ha assegnato la vittoria nel torneo di calcio a 5 “Road to Paris” organizzato da Kia Motors Italia alla squadra degli Elastic Boys. Il team di Napoli ha sconfitto per 3 reti a 2 gli avversari del Magic Team di Pescara nel match conclusivo che si è tenuto a Milano, domenica 22 maggio in occasione della manifestazione di chiusura del Torneo.

A questo appuntamento, svoltosi nella prestigiosa location di Piazza Gae Aulenti nel corso dell’intero weekend, hanno assistito oltre ai partecipanti migliaia di spettatori, attirati sia dalle partite sia dal Road Show che ha accompagnato le varie tappe della manifestazione.

La presenza dei più apprezzati modelli della gamma Kia, come Optima, Rio, Sorento, cee’d, Soul e il Suv-crossover Sportage, è stato l’elemento di grande richiamo per il grande pubblico che ha avuto la possibilità di prendere contatto diretto con le vetture ed effettuare i test su strada. In tutto il periodo del road show sono state effettuate circa 1000 prove che hanno messo in evidenza l’interesse per le vetture con particolare riguardo per la star del momento, la nuova generazione di Sportage.

L’appassionante percorso del Road to Paris ha preso il via lo scorso 16 aprile a Verona e si è articolato in cinque tappe che hanno selezionato fra le 62 partecipanti le squadre finaliste che si sono giocate a Milano l’ambito premio riservato ai vincitori.

Infatti il prossimo 2 luglio tutti i componenti della squadra che si è aggiudicata il torneo saranno ospiti di Kia per un viaggio in Francia che li porterà ad assistere alla partita dei quarti di finale dei Campionati Europei UEFA2016 a Bordeaux e successivamente a partecipare al torneo internazionale “Kia Champ Into the Arena”, organizzato da Kia Motors Korea, nel corso del quale si sfideranno tutte le squadre vincitrici dei singoli tornei nazionali.

Questo ulteriore “Campionato nel Campionato” è uno degli eventi legati al patrocinio ufficiale che Kia Motors, in qualità di Main Sponsor, ha ideato e organizzato per accentuare la sua presenza in occasione di Euro2016 e sottolineare il particolarissimo spirito che lega il marchio coreano al mondo dello sport al massimo livello, con particolare riguardo alle più importanti manifestazioni internazionali di calcio, tennis e basket.

Il successo intramontabile della Vespa

La Vespa è famosa in tutto il mondo e ormai è diventata un simbolo per generazioni e generazioni. Oltre al particolare design e alla forma inconfondibile che anno dopo anno non smettono di conquistare giovani e meno giovani, la Vespa ha anche una storia molto affascinante. Infatti, tutto nasce nel 1884, quando a Sestri Ponente Rinaldo Piaggio fondò insieme a suo padre una delle case motociclistiche più famose sul territorio italiano.

roller-334802_1280Con il tempo, la Piaggio si è fatta conoscere nel settore dell’aeronautica, ha firmato alcuni dei velivoli che hanno partecipato alla Seconda Guerra Mondiale e anche il primo modello di elicottero, molti dei veicoli storici si possono ancora ammirare nel Museo della Piaggio. La Vespa ha fatto parlare di sé anche per quanto riguarda il motociclismo mondiale ed è stata protagonista della gioventù di tantissimi italiani. In poche parole, ha accumulato così tanto successo da diventare una vera e propria icona a livello globale. Attualmente, la casa motociclistica è diventata di proprietà della Fiat e la Vespa ha riscosso un successo ancora maggiore.

Per tutti questi motivi, anche se sono passati anni, questo modello è rimasto un evergreen, rivisitato più volte ma sempre in voga. Ad ogni modo, sono tantissimi gli italiani che desiderano possedere una Vespa d’epoca e, se anche voi fate parte di questi grandi appassionati e collezionisti, sappiate che potrete ancora acquistarla, soprattutto online. Infatti, grazie alla sua popolarità, la Vespa è uno degli scooter più richiesti, sia nuovo che usato. Ovviamente i modelli più pregiati e richiesti sono quelli un po’ datati. L’obiettivo di ogni amatore è quello di possedere una Vespa storica, e nel caso siate riusciti ad accaparrarvi una di queste ultime, il nuovo obiettivo sarà quello di rinnovarla, lucidarla, e avvalersi di un’assicurazione Vespa storica, che potrete trovare direttamente online a prezzi veramente convenienti, soprattutto sfruttando comparatori come assicurazioni-storiche.it, che fanno una selezione delle proposte migliori sul mercato, permettendo anche di avere un preventivo anche online.

Tuttavia, sappiate che queste polizze possono essere stipulate solamente da coloro che hanno già compiuto i 23 anni di età e che per circolare e far parte di raduni e manifestazioni del settore, dovrete iscrivervi ad uno dei club dedicati alle moto d’epoca e alla FMI, ovvero la “Federazione Motociclistica Italiana“. Potrete iscrivervi a questa federazione direttamente dal web, tramite il sito di Federmoto: basterà accedere alla sezione “Iscrizione Registro Storico” e seguire la procedura. L’iscrizione vale dal primo gennaio di ogni anno e termina il successivo 31 dicembre. Lo step successivo è quello di godersi la propria Vespa storica sulle strade italiane.

L’Audi R8 più aggressiva di sempre

La nuova Audi R8 si presenta come un’auto con ottime prestazioni su strada e design sportivo. L’aspetto della R8 non è stato completamente stravolto, infatti esso rispetta le proporzioni della precedente versione, anche se essa ha delle linee più squadrate che la rendono ancora più accattivante. Notando le differenze tra l’Audi R8 precedente, la nuova versione riporta le lame verticali non continuate che mettono in evidenza le porte leggermente scavate verso l’interno. Il motore invece rispecchia sempre la stessa posizione. Esso è posizionato nella parte posteriore centrale, e varia in base alle versioni che sono state presentate. Il design esterno è definito con l’alettone posteriore in carbonio, materiale che è stato utilizzato, insieme all’allumionio, per la scocca dell’auto.

L’R8 riporta tre varianti, infatti è disponibile in tre versioni: Audi R8 e-tron, R8 e R8 V10 Plus. La prima versione è l’ Audi R8 e-tron, elettrica con due motori da 231 cavalli ciascuno. Le altre due versioni invece sono a benzina: l’Audi R8 da 540 cavalli e la R8 V10 Plus da 610 cavalli. Le versioni benzina hanno lo stesso motore di origine Lamborghini di 5.2 litri. Lo scatto per queste auto è davvero formidabile, il design e le caratteristiche permettono alla nuova Audi R8 di esser tra le auto più ricercate. Il design interno dell’auto, contrariamente all’esterno, è stato completamente stravolto dalla versione precedente. Entrando all’interno dell’auto è possibile notare sin da subito che avviare il motore è possibile con un tasto rosso posto vicino al volante.

Tsports-car-248241_1280utta la strumentazione è digitale e le funzioni sono tutte poste nella stessa posizione del volante, per permettere così al guidatore di non distogliere lo sguardo dalla strada e riuscire così ad ottenere una prestazione perfetta e con maggior sicurezza. L’accellerazione della R8 da 540 cavalli, permette di avere uno scatto da 0 a 100 chilometri orari in 3.5 secondi. L’auto riesce a raggiungere velocità elevatissime infatti, con un consumo di 11.8 litri per 100 chilometri percorsi, è possibile viaggiare a 323 km orari. La versione Plus, avendo un numero più elevato di cavalli, aumenta le proprie capacità e permette di diminuire i tempi d’accellerazione, ovvero 3 decimi in meno, e di avere uno scatto più veloce, essa raggiunge i 100 km orari in 3,2 secondi ed ottiene una velocità di 330 chilometri orari.

Tutte e tre le versioni hanno la dotazione molto completa, infatti presentano molti optional base come sensori di parcheggio, connessione Usb e Bluethooth e climatizzatore automatico. Sono disponibili però anche innumerevoli optional che permettono di completare la nuova Audi R8 rendendola ancora più unica.

L’attesa per l’ultimo capolavoro di casa Ferrari è quasi al termine

L’appuntamento è fissato per i milioni di tifosi e appassionati della Rossa: venerdì 19 febbraio verrà svelata la nuova vettura di F1 che prenderà parte al prossimo campionato mondiale. Certo, sono lontani i fasti del passato quando, nel giorno della presentazione, giornali e tv si radunavano in massa sulla pista di Fiorano, solitamente sede dell’unveiling delle nuove vetture col marchio del Cavallino Rampante. Da qualche anno a questa parte, complice la crisi, anche le scuderie più prestigiose presentano sul loro sito web le nuove monoposto, e la Ferrari non fa eccezione.

Appuntamento dunque alle 14 sul sito della Rossa per vedere per la prima volta l’auto che verrà pilotata nell’arco della stagione 2016 da Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Nelle scorse settimane, tuttavia, in rete sono circolate delle anteprima sulla livrea della prossima vettura Ferrari e non sono mancate delle sorprese, prima fra tutte un’ampia presenza di bianco sulla carrozzeria. Un rimando, e forse un omaggio, al passato glorioso della Rossa, visto che il bianco compariva in maniera abbondante sulle vetture degli anni ’70, in particolare quelle iridate del ’75 e ’77 con Niki Lauda.

1455305816721_ferrariAlcuni scaramantici hanno però storto il naso: il bianco è ricomparso in maniera significativa nel 1993, una delle peggiori stagioni in Formula 1 per la Ferrari, contrassegnata da pesanti zeri nelle caselle relative a vittorie, giri veloci e pole position. Non è il caso, però, di toccare ferro o altri amuleti, visto che il bianco è stato presente pure nelle vetture degli anni d’oro di Schumacher e in quelli, meno vincenti ma pur sempre positivi, di Alonso, anche se relegato solamente negli alettoni anteriore e posteriore.

Oltre alla livrea, venerdì verrà svelato anche il nome della nuova vettura, sul quale è decisamente più difficile azzardare delle previsioni. Ci si auspica però che il progetto 667 (nome provvisorio in attesa di quello ufficiale) sappia riportare al vertice della Formula 1 la Ferrari, dopo un’annata in cui non sono mancati i buoni risultati ma la Mercedes si è dimostrata nettamente superiore. Intanto, la Ferrari che sta per essere svelata potrebbe subito regalare un risultato storico alla Scuderia: il 700esimo podio nella massima categoria del motorsport (la Rossa, al momento, si trova a quota 696).

Dopo la presentazione, non ci sarà molto da attendere prima di vedere il nuovo gioiello in pista: il debutto è previsto per la prossima settimana, quando a Barcellona si terranno i primi test collettivi della nuova stagione. I primissimi riscontri della pista sapranno dire se la Rossa è nata bene oppure se ci sarà bisogno di tempo e lavoro per il suo svezzamento, in modo che l’auto sia pronta per il debutto stagionale in Australia.

 

Aston Martin, 60 anni e non sentirli

aston-martin-1151525_1280Il sessantesimo anniversario dalla creazione della Aston Martin Works si è fatto sentire in casa Gaydon.

Per tale occasione sono state proposte 6 edizioni speciali, presentate nel corso del 2015.
Ognuna di queste fonda le sue caratteristiche sulla Gran Turismo, simbolo del marchio inglese. Un mix di dettagli tecnici e nuove rifiniture sia per le versioni cabriolet, sia per le coupè.
La prima fra tutte, presentata tra le Gran Turismo di Gaydon, è la Aston Martin, 60 anni e non sentirli davvero!
L’auto, dopo 2 anni dal suo debutto su strada, è stata sottoposta a un vero e proprio restyling. Per l’occasione la vediamo scendere in pista con un nuovo e scattante nome: Aston Martin Vanquish Works.
Il design appare subito rinnovato: finiture dei cerchioni, e sugli sportelli, di un giallo tipico e ricorrente in questo 60th Anniversary, e la livrea di un pregiato bianco.
Quello che davvero stupisce è la rivisitazione dell’interno. Spicca la console, con i comandi centrali realizzati interamente con il metallo utilizzato per i pistoni delle Aston Martin classiche. E l’abitacolo è riproposto in 2 innovative versioni:
– Dark Knight in blu e nero;
– Fandango Pink, in un’inedita colorazione esotica.
I nuovi cerchi in lega, più leggeri, sono accattivanti nella linea, e la tinta “Diavolo Red” è una variante entusiasmante per la carrozzeria.
ritocchi del 2015 non si fermano certo a un semplice “lifting” esteriore, vanno ben oltre, e riguardano sia il motore, sia le prestazioni. La super sportiva di Gaydon è stata dotata della nuovissima trasmissione ZF Friedrichschafen con cambio automatico a 8 rapporti Touchtronic III, molto più leggero del precedente.
Migliora, quindi, anche l’efficienza. Consumi e relative emissioni presentano uno stimato e calcolato calo del 10-11%.
Diviene più scattante grazie a 3 unità aggiunte alla cavalleria di serie. Ben 576 cavalli contribuiscono a migliorare le prestazioni, è in grado di raggiungere i 321 Km/h di velocità massima, e passa da 0 a 100 Km/h in soli 3,8 secondi.
Il restyling della Aston Martin Vanquish punta a conferire all’auto una sportività maggiore. Ne guadagna anche l’assetto, grazie alle migliorie apportate allo sterzo, per una guida più sicura e precisa.
Novità persino sul fronte motore, si migliorano il sistema di scarico e l’elettronica Bosch, garantendo una prestazione davvero ottimale.
Viene potenziato l’impianto dei freni e affinati gli ammortizzatori. Insomma, dopo un eccellente debutto, la Aston Martin Vanquish rappresenta un illustre simbolo tra le edizioni speciali di questo sessantesimo anniversario.

 

Blocchi al traffico, più disagi per i cittadini delle metropoli italiane

L’inquinamento causato dalle polveri sottili ha superato i limiti consentiti i tutto il nostro territorio e per questo in moltissime città italiane sono stati attivati numerosi blocchi al traffico. I disagi sono stati inevitabili, soprattutto a Milano e a Roma. Ecco una panoramica della situazione attuale.

controlli stradaIl capoluogo lombardo ha riscontrato numerosi problemi, in particolare per il blocco delle auto del 6 e del 7 febbraio. Per i milanesi è stato infatti un weekend difficile, in quanto il divieto di circolazione è iniziato alle 8.30 del mattino per le vetture dei cittadini, terminando solamente alle ore 18. Per quanto riguarda i veicoli commerciali, il blocco è scattato alle 7.30 ed è durato fino alle 10. Fortunatamente, alcuni milanesi hanno potuto circolare, perché il divieto era limitato alle auto “diesel Euro 3” senza il FAP. Praticamente, solo i cittadini con i veicoli maggiormente inquinanti non hanno potuto viaggiare. Tuttavia, le limitazioni e i blocchi sono realmente iniziati il primo febbraio e pertanto i milanesi attendono che sul sito del Comune vengano pubblicate delle buone notizie relative alla decisiva riduzione delle polveri sottili.

Stessa cosa è accaduta a Roma, in particolare il 31 gennaio, quando il comune ha proclamato un blocco per contrastare l’inquinamento ambientale della Capitale. Anche nell’area romana il divieto di circolazione è scattato alle 7.30, terminando alle 12.30, per poi ricominciare dalle 16.30 fino ad arrivare alle 20.30. Le domeniche ecologiche in programma sono tante e potranno circolare solamente i veicoli gpl, a metano, le auto ibride e alcuni motocicli e ciclomotori Euro 2 e 3. Perciò, anche a Roma i disagi riscontrati nell’ultimo periodo sono stati tanti e per i trasgressori del blocco sono state imposte delle sanzioni che vanno dagli 83 ai 335 euro, ma che possono arrivare anche ad un massimo di 658 euro.

I cittadini di Roma e Milano sono quelli che stanno affrontando le maggiori problematiche, ma anche molte altre città italiane stanno combattendo lo smog con domeniche ecologiche, circolazione a targhe alterne e altre iniziative proposte dai vari uffici comunali. In poche parole, è ancora troppo presto pensare che lo stop alle ‘giornate ecologiche’ sia imminente , ma in tutto il territorio italiano i cittadini stanno sperando che questi disagi e sforzi siano in grado di comportare un netta riduzione delle polveri sottili. Infine, è utile sapere che in questi giorni alcuni Comuni potrebbero nuovamente pronunciarsi, annunciando i miglioramenti riscontrati e gli eventuali e ulteriori provvedimenti da attuare a breve.

 

 

Audi Q2 reginetta del 2016

Q2Manca veramente poco: la nuova Audi Q2 uscirà quest’anno e da luglio 2016 sarà in vendita in Italia. Sono in tanti ad attenderla e la casa automobilistica conta davvero molto sul successo di questo nuovo modello. Per tutti questi motivi, andiamo a scoprire alcune delle principali caratteristiche di questa vettura e tante altre interessanti anticipazioni.

L’attesissima Audi Q2 si presenta come un suv compatto, che dall’esterno mostra un design sportivo, dinamico e allo stesso tempo elegante, ma anche piccoli e moderni finestrini e un lunotto dalla forma particolarmente inclinata. Aggressiva e accattivante, la nuova Audi si presenta come la suv più piccola prodotta fino ad ora dall’azienda automobilistica tedesca ma, all’interno del cofano, nasconde comunque un motore dalle grandi potenzialità. Infatti, secondo le previsioni, l’Audi Q2 a benzina sarà munita di 3 cilindri da 95 CV, oppure di 4 cilindri che potranno fornire una potenza fino a 192 CV. Per quanto riguarda le versioni con motore a diesel, le differenze saranno ben poche e le performance di guida si riveleranno estremamente apprezzabili. Probabilmente, potremo scegliere anche tra un modello “ibrido e-tron” a benzina e una versione elettrica. Inoltre, sono previsti sia i cambi manuali che quelli automatizzati e dotati di doppia frizione e, naturalmente, la soddisfacente e molto apprezzata trazione integrale. In poche parole, la nuova Audi è il risultato di un mix tra innovazione e innumerevoli funzionalità, e la potremo acquistare ad un prezzo dai 23mila euro in su.

Da tutto questo è facile capire che la casa automobilistica tedesca sta puntando molto su questo nuovo modello che, infatti, ha letteralmente studiato nel dettaglio e aggiornato al fine di soddisfare vari tipi di esigenze e preferenze degli automobilisti di tutto il mondo. Le previsioni dicono inoltre che, grazie alla Q2, l’Audi sarà una delle protagoniste di questo 2016. Tutto è iniziato da un investimento di ben 3 miliardi e tanto lavoro che, nonostante lo scandalo che ha coinvolto il gruppo della Volkswagen alla quale appartiene anche Audi, hanno portato decisamente dei buoni risultati.

La casa automobilistica ha creduto fin dall’inizio in questa annata e nel nuovo modello, al punto di acquistare i diritti sulla sigla “Q2”, che fino a poco tempo fa era di proprietà del gruppo Fiat Chrysler, e da prepararsi ad assumere nuovi dipendenti. Insomma, il 2016 sarà davvero un ottimo anno per l’Audi, e di certo l’azienda non vuole farsi trovare impreparata.

 

 

Galleria fotografica

http://www.myebook.com/ebook_viewer.php?ebookId=122614
Accedi | Disegnato da LM Media