Rubriche archiviate per: NEWS

IL MUSEO PIAGGIO CONQUISTA LA HALL OF FAME DI TRIPADVISOR 

LA PIÙ GRANDE COMMUNITY DI VIAGGIATORI DEL MONDO PREMIA ANCHE NEL 2019 IL PIÙ GRANDE MUSEO DEDICATO ALLA MOTO IN ITALIA

 

Pontedera, 5 agosto 2019 – Il Museo Piaggio di Pontedera, il più grande museo motociclistico d’Italia e uno dei maggiori in Europa, entra nella Hall of Fame di TripAdvisor® conquistando per il quinto anno consecutivo il Certificato di Eccellenza, grazie agli elevati punteggi e alle eccellenti valutazioni dei visitatori.

Il Museo viene costantemente premiato da TripAdvisor® dal 2015 grazie alla sua capacità di conquistare i cuori dei suoi numerosissimi ospiti che, in 700mila dalla inaugurazione, sono arrivati a Pontedera (in provincia di Pisa) da tutto il mondo.

Aggiudicandosi per il quinto anno consecutivo questo ambito riconoscimento, il Museo Piaggio varca la Hall of Fame di TripAdvisor®, la piattaforma di viaggi più grande del mondo presente in 49 mercati che con il suo network di siti raccoglie circa 490 milioni di visitatori unici mensili.

I grandi spazi espositivi del Museo, inaugurato nel 2000 e profondamente rinnovato nel 2018, si estendono su 5.000 m2 e sono ricavati da antichi manufatti industriali che, elegantemente restaurati, accolgono più di 250 veicoli storici. Mezzi che raccontano oltre cento anni di grandi emozioni, sogni e progetti che hanno accompagnato lo sviluppo economico e sociale d’Italia.

 

La collezione Vespa, uno dei marchi italiani più noti e amati, attrae appassionati da tutto il mondo e accanto a essa ci sono le collezioni dedicate ai marchi Piaggio e Ape e alla storia motociclistica e sportiva dei brand Aprilia, Gilera e Moto Guzzi.

Nomi che hanno fatto la storia della motocicletta e che insieme collezionano lo straordinario palmares di 104 Titoli Mondiali nelle varie specialità del motociclismo sportivo. Dalle macchine eroiche del 1909 (anno di fondazione Gilera) o del 1921 (nascita di Moto Guzzi) si arriva alle straordinarie Aprilia di Valentino Rossi, Max Biaggi, Loris Capirossi, Manuel Poggiali, tutte vincitrici di Campionati del Mondo.

E accanto a pezzi pregiati, alcuni unici e irripetibili, tutta la storia della mobilità – dai treni agli aerei, dalle teleferiche ai motori marini – percorsa da una azienda che è parte della storia d’Italia.

Per maggiori informazioni visitare il sito web ufficiale: www.museopiaggio.it.

 

 

 

Il Forte Arte presenta La Donna Vitruviana

Il Forte Arte ospita e presenta

‘La Donna Vitruviana’

Martedi 13 agosto dalle ore 19

in collaborazione con Alessio Musella

 

Forte dei Marmi, 7 agosto 2019 – La Galleria Il Forte Arte, in collaborazione con Alessio Musella,  ospita e presenta ‘La Donna Vitruviana’, dalla collezione ‘Le Affinità Elettive’ creata a Roma dal 2011 al 2013 dall’artista Adele Ceraudo.

Durante la serata verranno presentate diverse versioni dell’opera, tra le quali ‘La Scomposta’, presentata recentemente ad Osaka presso l’Istituto Italiano di Cultura e l’artista eseguirà una performance interpretando un testo dello scrittore Aurelio Picca, dedicato alle sue opere e pubblicato nel 2015 dal quotidiano Il Giornale.

Il modus operandi della Ceraudo prevede che l’idea iniziale dell’immagine venga realizzata per mezzo di scatti fotografici di cui l’artista stessa è modella ed interprete, scatti che successivamente sono selezionati e utilizzati come ispirazione per la creazione del disegno, interamente realizzato con la penna BIC su carta Fabriano (33 x 48 cm).

Una volta terminata, l’opera viene scansionata ad alta risoluzione per poi essere ingigantita e stampata su diversi supporti: carta, tela, mash forato, plexy o alluminio; infine, l’intervento pittorico rende ogni opera unica e esclusiva.

 

Adele Ceraudo da sempre pone al centro della sua arte la figura della donna, di cui descrive tutte le caratteristiche, sia quelle legate alla gioia, alla positività, alla seduzione, fino ad arrivare agli aspetti più tragici legati alla violenza e al dolore. La sua arte, emotivamente coinvolgente, è un messaggio sociale e non solo visivo, incentrato sul rispetto del corpo e dell’anima di tutte le donne, oltre che per la sua eccellente tecnica di disegno con la Bic che l’ha resa famosa a livello internazionale.

Anche per questa occasione la stilista Elisabetta Garinei ha creato un abito su misura per Adele in stile vittoriano, consolidando il connubio Arte & Fashion System.

 

 

 

Miwa Komatsu alla Mostra del Cinema a Venezia

Miwa Komatsu,

l’artista contemporanea giapponese,

nominata nella sezione Virtual Reality

per la 76esima Mostra del Cinema a Venezia

 

Venezia, 29 luglio 2019 – “L’artista contemporanea giapponese Miwa Komatsu è stata nominata nella sezione Virtual Reality per la 76esima Mostra del Cinema a Venezia con l’opera Inori (Preghiera)” – lo ha annunciato il Presidente della Fudo co. Ltd Hirokazu Okano.

L’opera è il prodotto della collaborazione tra il team di HTC Vive Originals, società che produce contenuti di Virtual Reality e pionieri dell’ hardware, e l’artista Miwa Komatsu.

Il noto produttore di musica Taiwanese Kay Huang ha curato la parte musicale.

Inori” visualizza, attraverso un ambiente immersivo digitale, il processo di crescita dello spirito che viene a formarsi dall’ispirazione di Komatsu.

Le figure mitologiche di Invisible World, che sono la caratteristica inconfondibile del lavoro di Komatsu, si muovono in modo molto animato, i Komainu (i cani leoni) guidano gli spettatori nel mondo spirituale creato da Miwa Komatsu e possono intuire il messaggio dell’opera attraverso questo viaggio nella realtà virtuale: “Rispetto degli Dei del Cielo e della Terra nella Natura” e ancora: “Gentilezza verso tutti gli Esseri Viventi nell’Universo“.

L’opera “Inori” (Preghiera) è stata nominata per la sezione VR della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Nella realizzazione di quest’opera abbiamo ricevuto l’aiuto di più persone con le quali c’è stata tanta comprensione reciproca e tanta passione. Sono stata nominata grazie al valore di tutte queste persone. Grazie tante! Sono molto riconoscente nei confronti di HTC che mi ha trovata alla mia prima mostra personale a Taipei e ha voluto lavorare con me. Per favore, permettetemi di continuare ad imparare da voi!” – sono le parole di ringraziamento di Miwa Komatsu al team di HTC Vive Originals.

La sezione VR (Virtual Reality) della Mostra del Cinema di Venezia è stata creata nel 2017 e tra le opere invitate verranno nominate: “the VR Best Award”, “the Best VR Experience Award”, and “the VR Best Story Award”.

La mostra si terrà a Venezia dal 28 Agosto al 7 Settembre 2019.

About Miwa Komatsu

Nata a Nagano in Giappone nel 1984, Miwa Komatsu ha passato la sua infanzia immersa nella natura e circondata da un ricco paesaggio naturale. Le sue opere riflettono questa speciale connessione con la natura ed il ciclo della vita. Il suo lavoro spesso esplora temi come vita e morte, gli Dei e gli esseri spirituali.

Komatsu riceve grande considerazione in Giappone ed ora è anche presente in Asia, in Europa e negli Stati Uniti.

La sua opera ‘I Cani Leoni Guardiani’ è in mostra permanente presso il British Museum.

L’arte di Komatsu continua ad attirare attenzione a livello internazionale e le sue opere sono entrate a far parte delle collezioni di istituzioni importanti, come il World Trade Center di New York.

Nel 2017 l’artista ha vinto il contest “Young Artist of the Year”, è stata invitata ad apparire in pubblicità televisive ed è anche diventata l’Ambasciatrice Ufficiale per la Maison Christian Dior.

La sua mostra personale nel Dicembre 2018 ha toccato cifre record di partecipanti e di vendite.

Nel 2019 è stata selezionata come una dei 10 giovani promettenti artisti provenienti da tutto il mondo per la mostra “Diversity for peace”, le cui opere sono in questo momento esposte presso le Procuratie Vecchie di Piazza San Marco per la 58esima Biennale di Venezia.

 

 

GDD FASHION WEEK, tutto pronto per la fase finale

In attesa di conoscere i grandi ospiti che animeranno i vari appuntamenti in calendario, la GDD Fashion Week conferma tutti gli appuntamenti annunciati. Il 29 luglio alle ore 20.30 si inizia con la Fashion dinner presso il Ristorante Tipiko, tra il mare ed il centro storico di Amantea (Cs); il 30 luglio l’appuntamento è alle 21.30 all’Atlantis Park di Longobardi (Cs) nello scenario iconico degli anni Ottanta del GDD’s Pub per un omaggio a Gianni Versace; il 31 luglio alle 21.30 sarà il comune di San Pietro in Amantea (Cs) a donare emozioni con la serata “Dalla parte delle donne”, per osservare insieme il lato più contemporaneo della moda; l’1 agosto sarà la scalinata della città di Lago (Cs) la cornice ideale per l’assegnazione del Premio della Stampa patrocinato dal magazine nazionale “La mia Boutique”. Infine la Serata di Gala: venerdì 2 agosto ore 21.30 al Parco della Grotta di Amantea (Cs), per conoscere il vincitore assoluto, proiettarlo nell’olimpo del made in Italy e assegnare una borsa di studio del valore di duemila euro. E poi, dulcis in fundo, il party di chiusura, nella notte tra il 2 ed il 3 agosto al Balay Resort Aquamarina di Falerna (Cz).

 

Tanti gli stilisti in gara: Alberto Maiorelli (Toscana), Giada Zavaglia (Calabria), Ingrid Fiorita (Calabria), Laura Frigerio (Lombardia), Cristina Cilla & Marianna Sticca (Molise), Miriam Russo & Alessandra Russo (Sicilia), Raffaella La Rocca (Campania), Samantha Caputi (Piemonte), Vivian Rossi (San Paolo – Brasile), Daniela De Santis (Lazio), Rossana Pane (Lazio), Giusy Di Bartolo (Calabria), Irene Contini (Sardegna), Alice Fruendi (Toscana), Maria Rosaria Venditto (Campania). Il tema di questa edizione è “la strada”, non intesa semplicemente come tipologia contemporanea di abbigliamento, ma come concezione di vita, di approccio alla quotidianità, come dinamismo e movimento. Interessante ed innovativo l’award Never Tee Stop: il fashion lab sosterrà uno stilista nella produzione di una collezione. Tra le novità i premi erogati dallo Studio dentistico del dott. Federico Lorelli legati al concetto di sorriso.

 

Ma non ci saranno solo gli stilisti in concorso. Sono sempre di più i brand ed i professionisti della moda che scelgono la GDD Fashion Week per mostrare le proprie collezioni al mondo. Nel corso dei diversi eventi le sorprese non mancheranno di certo. La creatrice di gioielli Daniela Moretti, con le sue contaminazioni tra le pietre e i materiali più disparati, sarà presente nella serata di giorno 31 luglio a San Pietro in Amantea (Cs) e a quella di Lago (Cs). Il brand Onom, conosciuto ed apprezzato nel corso delle preview romane, aprirà la Serata di Galà di venerdì 2 agosto. Nella stessa cornice sfileranno gli abiti di Ina Bordonaro vincitrice della GDD edizione 2018 e capace di esprimere sartorialità a trecentosessanta gradi. Spazio anche agli accessori, ma in forma artistica e rivisitata: Giovanna Capraro, pittrice poliedrica già nota alle cronache internazionali, presenterà la linea di borse “Evolution”. C’è grande attesa poi per il ritorno di Simone Bartolotta e Salvatore Martorana: vincitori nel 2015 ed oggi protagonisti assoluti del made in Italy.

 

MISS VENEZUELA ABBRACCIA LA CAMPAGNA GIOVENTÙ PER I DIRITTI UMANI

MISS VENEZUELA SIGILLA IL MANIFESTO

PER  LA TUTELA DEI DIRITTI DEI BAMBINI

DI TUTTO IL MONDO

ISABELLA RODRÍGUEZ, DURANTE UNA TAPPA DEL SUO TOUR DI BENEVOLENZA IN ITALIA, ABBRACCIA LA CAMPAGNA GIOVENTÙ PER I DIRITTI UMANI

Cantù (Como), 15 luglio 2019 – Presso gli spazi verdi dell’associazione O.A.S.I. (Organizzazione Associativa di Studio ed Istruzione), si è svolto domenica scorsa l’evento “Il Manifesto di O.A.S.I. per i Diritti dei Bambini di Tutto il Mondo”, con la presenza di Miss Venezuela.

Isabella Rodríguez, vincitrice del Concorso di Bellezza “Miss Venezuela 2018”, è ora candidata a Miss Mondo con il delicato ruolo di Madrina dei Diritti dei Bambini. Nata e cresciuta a Caracas, Isabella ha illustrato ad una cinquantina di ospiti la proibitive condizioni nelle quali vivono i bambini nel suo paese natale,  facendo loro presente come, ad esempio, l’imbattersi in bambini venduti dai propri genitori in cambio di cibo, o bambine sulla soglia della pubertà dedite alla prostituzione per lo stesso motivo; ed è purtroppo all’ordine del giorno in Venezuela.

Insieme al manager del suo tour italiano Eduardo Galan, attore e presentatore venezuelano, ci ha ricordato come in un paese tanto ricco di contrasti interni, quanto di preziose materie prime, le ripercussioni dell’instabilità del sistema si ripercuotono sulla popolazione ed in particolare sui bambini, vittime di malattie, denutrizione e carenza d’istruzione.

Per questo motivo Isabella ha deciso di appoggiare la campagna Gioventù per i Diritti Umani, ritenendone i materiali divulgativi chiari ed esaustivi nel loro compito di rendere i ragazzi consapevoli dei Diritti Umani ed in grado di renderli una realtà nella vita di tutti i giorni.

Isabella, ospite di O.A.S.I., ha conosciuto ed apprezzato le musiche incantevoli della leggenda della musica italiana Gianni Bobbio, autore e compositore che vanta nel suo curriculum collaborazioni con Mina, Mia Martini, Bertè, Leali, Morandi e Strehler, che si è esibito con il cantautore emergente Giuda Nicolosi.

La serata del Tour di Benevolenza in difesa dei Diritti Umani si è arricchita dagli interventi di diverse realtà associative.

Del Carmen Urbina Lucìla, Presidente dell’Associazione Venezuelani in Lombardia, ha mostrato un documentario rappresentativo della loro attività di raccolta farmaci ed altri beni di prima necessità da spedire in Venezuela.

Sabrina Visentin, Direttrice di O.A.S.I. (associazione che si occupa di scuola parentale fornendo servizi di tutoraggio per elementari, medie e doposcuola), e Giuliana Legnani, Presidente di Applied Scholastics Italia e Mediterraneo hanno parlato del loro impegno per garantire un’istruzione efficace ai bambini, utilizzando il metodo sviluppato dallo scrittore, educatore ed umanitario L. Ron Hubbard.

Il pittore Franco Farina, Vicepresidente dell’Associazione Call To Arts, ha esposto l’impegno di tale associazione nel favorire l’impiego da parte dei bambini delle arti, considerando l’arte quale strumento inestimabile nella crescita dei bambini stessi.

Edoardo Claudio Olivieri, performer ed Executive Chef docente di Accademia Italiana Chef, impegnato nel sociale nell’ambito dei Diritti Umani, ha organizzato e presentato la serata.

A fine evento Isabella e tutti gli altri ospiti hanno lasciato l’impronta della loro mano colorata su un grande manifesto, suggellando così un impegno collettivo in difesa dei diritti dei bambini di tutto il mondo.

Per conoscere e sostenere Gioventù per i Diritti Umani: http://it.youthforhumanrights.org

DAL 6 ALL’8 SETTEMBRE TORNA OPEN HOUSE MOTO GUZZI

MOTO GUZZI V85 TT È LA REGINA DELL’EDIZIONE 2019 CHE MIRA A SUPERARE IL RECORD DELLE 30MILA PRESENZE DELLO SCORSO ANNO

LO STABILIMENTO DI MANDELLO SI APRE PER TRE GIORNI DI SPETTACOLO: MUSICA, VISITE ALLA FABBRICA E AL MUSEO STORICO, TEST RIDE, TALK SHOW, VIAGGI E AVVENTURA, RACING, FOOD & BEVERAGE, SHOPPING E TUTTO QUANTO FA AMORE PER L’AQUILA PIU’ FAMOSA DEL MONDO MOTO.

Mandello del Lario, 17 luglio 2019 – Nel primo weekend di settembre torna l’appuntamento con Moto Guzzi Open House. Da venerdì 6 a domenica 8 settembre si apre al pubblico e agli appassionati, attesi a migliaia datutto il mondo, la fabbrica di Mandello del Lario, il “nido dell’aquila”, il luogo nel quale sono nate tutte le MotoGuzzi che, dal 1921, corrono per le strade del mondo.

L’edizione 2018 ha lasciato un ricordo indelebile frantumando ogni record con 30mila presenze. E ancora più indicative dell’amore che lega i Guzzisti alla casa madre, furono le oltre 15mila persone accorse alla edizione 2017 che, avversata dal maltempo, si tenne sotto un vero uragano. Sono testimonianze autentiche del rapporto straordinario che unisce i motociclisti più autentici al marchio lariano e che lega Moto Guzzi al suo territorio.

L’appuntamento 2019 a Mandello avrà come regina la nuova Moto Guzzi V85 TT, la tuttoterreno che è il grande successo commerciale di quest’anno, che sta conquistando nuovi Guzzisti in tutto il mondo e che – è facile prevedere – sarà la moto più ambita ai test ride.

Come da tradizione Moto Guzzi ha preparato un ricco palinsesto d’attività, che avrà il suo centro nel Moto Guzzi Villagemusica spettacolo saranno proprio nel cuore della fabbrica lariana, lì si raccoglieranno leadesioni ai test ride che, sulle strade intorno a Mandello, vedranno protagoniste, oltre alla V85 TT, tutte lemoto della gamma Moto Guzzi, dalle molte versioni della V7 III, passando per le V9 Bobber e Roamer fino allemaestose 1400cc della famiglia California-Eldorado compresa la possente MGX-21.

A partire dal pomeriggio di venerdì 6 settembre si apriranno lo shop, con tutte le novità di abbigliamento e merchandising, e il Museo Moto Guzzi, che custodisce più di 150 moto che hanno fatto la storia di uno dei marchi più nobili del motociclismo mondiale. Il sabato mattina inizieranno le visite alle linee di produzione e alla storica Galleria del Vento.

Open House 2019 si parlerà di viaggio e di avventura grazie alla V85 TT ma anche di sport e di racing coi protagonisti del Moto Guzzi Fast Endurance che, nella sua prima edizione, è già diventato un trofeo di riferimento nel panorama delle corse più classiche.

L’Archivio Storico Ufficiale sarà a disposizione di quanti vanno alla ricerca dei documenti di origine della propria Moto Guzzi mentre i membri di The Clan, la community dei motociclisti che condividono l’amore per la Moto Guzzi, avranno i servizi speciali a loro dedicati come parcheggio riservato, check up gratuito alla moto, welcome kit e sconti sulla collezione 2019 a marchio Moto Guzzi

Il programma completo è ancora in definizione e tutti gli aggiornamenti saranno disponibili sul website ufficiale www.motoguzzi.com e sui canali social di Moto Guzzi.

Amaury Guichon a Milano!

Chocolate Academy Center Milano ospita a settembre il grande interprete della pasticceria internazionale

Il prossimo settembre il famoso maître chocolatier internazionale Amaury Guichon sarà a Milano per tenere un corso/evento esclusivo presso Chocolate Academy Center Milano. Un evento unico per tutti i professionisti che vogliono acquisire le tecniche di questo giovane e talentuoso maestro della pasticceria e cioccolateria francese organizzato da Chocolate Academy Center Milano, oggi guidata dal maître chocolatier Alberto Simionato, in collaborazione con Zelo Networking di Lorenza Dalla Pozza.

Amaury Guichon è considerato un talento naturale nel mondo della pasticceria e della cioccolateria. È stato il direttore di boutique e responsabile ricerca e sviluppo dei prodotti da Hugo & Victor a Parigi e poi Chef de partie produit finition e R&D della Jean-Philippe Pâtisserie, pasticceria con boutique negli hotel di lusso “Bellagio” e “Aria” a Las Vegas, nel Nevada.

Oggi gira il mondo per spiegare le sue tecniche e il suo approccio creativo alla pasticceria. Ingrediente fondamentale il cioccolato che in Italia ha la sua scuola per eccellenza proprio nel Chocolate Academy Center di Milano. Amaury Guichon ha con l’Italia un legame anche familiare, il nonno era di Venezia e del Belpaese torna sempre con piacere: l’ultima volta in occasione del SIGEP di Rimini e subito dopo per lavorare con il maître chocolatier, campione del mondo ed oggi Global Creative Lead per Callebaut, Davide Comaschi per realizzare un’opera in cioccolato dedicata a Leonardo da Vinci il famoso Vitruviano, completamente in cioccolato.

Nato a Cannes il 15 marzo del 1991, Guichon è cresciuto nella regione dell’Alta Savoia francese, vicino alla Svizzera Romanda.

Sin da adolescente è stato attratto dal mondo della ristorazione e in particolare della pasticceria per questo decide di seguire un apprendistato di due anni a Ginevra, in Svizzera, periodo durante il quale si aggiudica il primo posto in numerosi concorsi locali. La svolta professionale avviene a Parigi presso la prestigiosa Maison Lenôtre . Nel 2010 viene nominato tra i migliori giovani pasticceri apprendisti della regione parigina dall’organizzazione MOF (Meilleures Ouvriers de France).

Ottenuto il diploma di perfezionamento in pasticceria, Amaury lavora per un anno presso la boutique Lenôtre a Cannes, in Costa Azzurra, con il ruolo di vicedirettore, apprendista istruttore e docente per la sezione amatori.  Inizia il periodo dei concorsi: dopo “Best Apprentice in France”, per la prima volta nel 2012 si trova a competere con chef professionisti, vincendo il concorso regionale “Délices de la Méditerranée” organizzato dal celebre chef Yves Thuriès. Ritorna quindi a Parigi, per occupare il ruolo di “direttore di boutique e responsabile ricerca e sviluppo prodotti” presso Hugo & Victor.
Nel 2013 partecipa alla trasmissione televisiva “Qui sera le prochain Grand Patissier”, aggiudicandosi il terzo posto. Grazie alla performance televisiva e con l’aiuto dello chef Michalak, Amaury ha l’opportunità di realizzare il suo sogno americano e di unirsi al team della Jean-Philippe Pâtisserie, pasticceria con boutique negli hotel di lusso “Bellagio” e  “Aria” a Las Vegas, nel Nevada.
In quattro anni conquista il ruolo di “Chef de partie produit finition e R&D” (capopartita prodotti finiti e ricerca e sviluppo) e contribuisce a rinnovare i prodotti, continuando contemporaneamente ad affinare la propria pasticceria e il proprio stile. Dal 2016 entra nel mondo dei social network postando video in modalità “comment faire” e condividendo senza filtri la sua passione infinita per la pasticceria. Diventa così un fenomeno riconosciuto a livello globale: i suoi post sono apprezzatissimi dagli appassionati e raggiungono in breve tempo milioni di visualizzazioni (1,6 milioni di follower su Instagram).

Oggi Amaury Guichon rappresenta per il mondo del food l’icona della pasticceria internazionale più moderna.  I suoi prodotti sono curati in ogni minimo dettaglio. Adora dedicarsi alla scultura del cioccolato e alcune tecniche portano la firma della sua genialità.

A gennaio 2019 Amaury Guichon ha pubblicato il suo primo libro “The art of flavor” edito da Les Editions Umami, disponibile in versone inglese o francese.

Nelle giornate dal 11 al 13 settembre Guichon sarà a Milano per presentare la sua filosofia e la sua nuova linea di prodotti con la creazione di torte e monoporzioni. Un evento esclusivo a cui potrà partecipare un numero ristretto di professionisti e pastrylovers.

SEGUI LA CHOCOLATE ACADEMY MILANO SUI SOCIAL:

Facebook: www.facebook.com/chocolateacademyMilano/

Twitter: twitter.com/ChocoAcademyMI

Instagram: chocolateacademymilano

Hashtag ufficiale: #ChocolateAcademyMI

 

IngranArt sceglie Irene Furlan come testimonial

 IngranArt sceglie Irene Furlan

influencer over 80 

come testimonial

Milano, 15 luglio 2019 – Le creazioni di Simona della Bella, titolare del Brand IngranArt sono opere uniche. Ogni gioiello è creato con ispirazioni e stimoli sempre diversi, ma tutti accomunati dalla presenza simbolica del Tempo, che sia esso un ingranaggio, un quadrante, una lancetta, una parte di una vecchia sveglia non più funzionante o la corona di una cipolla da taschino.

Per poter raccontare al meglio il tempo che trascorre , i luoghi, i profumi, gli attimi di vita vissuta che racchiudono i suoi gioielli, Simona Della Bella aveva bisogno di qualcosa, di qualcuno  in grado di poter raccontare l’anima delle sue creazioni.

Ha scelto Irene Furlan, l’influencer over 80, dopo averla vista sul web, con il suo sguardo fiero, spavaldo e dolce, portando Simona della Bella a decidere di contattarla.

In ciascuno di questi ingranaggi di vecchi orologi è possibile leggere storie non raccontate, immaginare  tempi di ricchezza ed istanti di inaspettata gioia, ma anche momenti d’abbandono e di solitudine; la maturità di una splendida 81enne, la sua esperienza di vita, la sua maturità, ogni singolo giorno vissuto appieno mi hanno portata a  pensare che Irene Furlan fosse la giusta figura in grado di unire quello che è stato con quello che sarà, diventando una sorta di icona  e un esempio da seguire anche per le più giovani, uscendo da stereotipi di bellezza che inneggiano alla perfezione” racconta Simona Della Bella.

L’incontro tra la titolare del brand e l’influencer over 80 è avvenuto negli studi radiofonici di www.postgarage.club radio web che vedrà Irene Furlan co-conduttrice della trasmissione  “I AM on FM” per parlare di lifestyle dopo la pausa estiva; in questa occasione hanno deciso che il connubio partirà ufficialmente a settembre con uno shooting per la nuova campagna pubblicitaria.

Grazie a Irene Furlan essere diversamente giovane sta diventando una nuova chiave di lettura per il fashion system.

 

ALDO ROTA, ENERGY OF SPACE

 

CELEBRATING FIFTY YEARS OF MAN ON THE MOON

Un progetto artistico di Erica Tamborini

 

Martedì 16 luglio 2019, alle ore 11.00, in occasione delle celebrazioni dello storico sbarco dell’uomo sulla Luna nel 1969, inaugurerà la mostra monografica del pittore Aldo Rota dal titolo Aldo Rota, Energy of Space. Una mostra ideata da Erica Tamborini allestita nelle Club SEA Lounges del Terminal 1 dell’Aeroporto di Milano Malpensa, un luogo che si impone sempre più come polo culturale in grado di coniugare istanze territoriali e internazionali.

I viaggiatori, in transito presso lo scalo aeroportuale, saranno accolti fino al 30 novembre da questa mostra che propone una serie di dipinti selezionati dai reiterati cicli che negli ultimi anni il maestro Aldo Rota ha dedicato all’astro sidereo. Sono trenta opere pittoriche del Maestro, realizzate fra il 2015 e il 2019, distribuite nelle sale vip dell’aeroporto.

“Si tratta di intense ed emozionanti pitture che – spiega Erica Tamborini – sono costituite da tele di straordinario impatto visivo in virtù delle loro elaborate cromie in cui l’iconografia lunare si fa pretesto per la realizzazione di una splendida action painting dove astrazione e figurazione si fondono, generando inattesi testi pittorici di indubbia valenza estetica”. Sono quadri “astratti” e “materici”, “figurativi e non-figurativi” di grande suggestione, in merito a cui dichiara ancora Tamborini: “Realizzati con pigmenti puri, trattano il tema della Luna attraverso un susseguirsi di immagini, di impronte e rilievi che conferiscono all’astro sidereo un carisma particolare, ora declinato in un valore simbolico, ora in un sogno, ora piuttosto in un’allusiva restituzione naturalistica, se non in una proiezione scientifica richiamante sottotraccia i precedenti studi leonardeschi sul tema”.

L’evento che alle ore 11.00 del 16 luglio inaugurerà ufficialmente la mostra si propone come uno ‘happening’ che coniuga l’eccezionale concomitanza di due celebrazioni: il cinquantesimo anniversario dello storico allunaggio di Apollo 11 e la ricorrenza dei cinquecento anni della scomparsa di Leonardo da Vinci. L’evento sarà scandito da più momenti: istituzionali, culturali, ma anche artistico-performativi. Un’esperienza sinestetica che, nella concezione di Erica Tamborini, ideatrice e curatrice della manifestazione, si attua attraverso l’incontro delle “Lune” dipinte da Aldo Rota con un brano musicale inedito, realizzato come colonna sonora per questa occasione da Dario Baldan Bembo. Per questo è stato coinvolto il noto cantautore de L’amico è, sigla del memorabile Superflash di Mike Buongiorno, e di musiche indimenticabili interpretate da artisti assai noti come Mia Martini, Renato Zero, Mina.

Nel corso dell’inaugurazione il maestro Aldo Rota presenterà un nuovo dipinto, realizzato per l’occasione: un grande trittico che da una parte condensa le sue ricerche pittoriche coronando la serie Above us dedicata alla Luna, dall’altra è un omaggio a Leonardo e alla sua Ultima cena di Santa Maria delle Grazie a Milano.

Sarà presente Dario Baldan Bembo che, per parte sua, proporrà il brano musicale inedito realizzato per Malpensa, che dà voce alla Luna attribuendole una commovente personificazione. Si tratta di una composizione classica richiamante i suoi brani più mistici ed eterei, da Aria a Soleado, da Gabbiani ad alcuni brani contenuti dell’album Spirito della Terra, facendo rivivere l’emozione e lo stupore che hanno accompagnato la sua carriera.

Infine, sarà presentato un video d’autore come sintesi visiva che, unendo le immagini di Rota, la musica di Baldan Bembo, con le immagini e la voce che hanno annunciato in mondovisione lo sbarco sulla Luna del 1969, insisterà sul valore della comunicazione che ha giocato allora un ruolo cruciale nel veicolare nell’immaginario collettivo questo avanzamento scientifico. Il video di Erica Tamborini è stato realizzato appositamente per rendere esplicita la poetica che disciplina la manifestazione e proporre per immagini il senso dell’evento. L’idea di questo video è quella di dare piena visibilità a questo accadimento sinestetico in cui arte, musica, storia offriranno, nel misurarsi con la contemporaneità, un’inedita riflessione sulla percezione visiva come atto conoscitivo e al tempo stesso come inatteso e spaesante svelamento di un altro vedere attraverso l’incontro con l’arte. Un vedere oltre ogni possibile vedere.

Durante il vernissage si brinderà con “Apollo 11”, il liquore-aperitivo originale del 20 luglio 1969, creato da Piero Pirola il giorno stesso in cui il primo uomo è sbarcato sulla Luna.

Vernissage:

16 luglio 2019, ore 11.00

presso la Sala Albinoni

Arrivi, Aeroporto di Milano Malpensa, Terminal 1

INGRESSO LIBERO

 

 

Adele Ceraudo ad Osaka con la “Donna Vitruviana”

Adele Ceraudo

invitata ad Osaka

esporrà la “Donna Vitruviana”

dal 22 al 29 luglio presso lo Spazio Arte dell’Istituto Italiano di Cultura

 

Dal 22 al 29 luglio, invitata  dall’Istituto Italiano di Cultura di Osaka, Adele Ceraudo esporrà la “Donna Vitruviana” presso lo Spazio Arte dell’Istituto, l’opera della collezione “Le affinità elettive” (Roma 2011/2013),  che vede l’artista reinterpretare in chiave femminile un’icona Leonardesca come l’Uomo Vitruviano, per dare ancora una volta voce e forza alle donne, rendendole, attraverso la sua immagine, protagoniste anche nell’arte che fu.

L’opera, interamente realizzata  in originale a penna Bic, per la prima volta verrà scomposta e stampata in Fineart su pannelli formato A3.

Una seconda mostra seguita da workshop nello stesso periodo verrà presentata a Myazu, a Nord di Kyoto.

Adele Ceraudo è stata scelta del Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Osaka, dott. Stefano Fossati, perché da sempre pone al centro della sua arte la figura della donna, di cui descrive tutte le caratteristiche, sia quelle legate alla gioia, alla positività, alla seduzione, fino ad arrivare agli aspetti più tragici legati alla violenza e al dolore. La sua arte, emotivamente coinvolgente, è un messaggio sociale e non solo visivo, incentrato sul rispetto del corpo e dell’anima di tutte le donne, oltre che per la sua eccellente tecnica di disegno con la Bic che l’ha resa famosa a livello internazionale.
Come nel 2014 a Melbourne e nel 2018 a Barcellona, ancora una volta l’Artista è chiamata a rappresentare l’eccellenza italiana all’estero.

La costante analisi da parte dell’artista Adele Ceraudo di modelli antichi e moderni di tecniche e arte  hanno contribuito a far evolvere rapidamente il suo stile, contraddistinto in origine dai fisici accademici di impronta michelangiolesca per arrivare a risultati più maturi, grazie alla fusione di tecniche quali fotografia, computer, grafica, video, musica, interventi pittorici e disegno, dove la trama dei segni a penna Bic  viene percepita talmente intensamente da regalare la sensazione di essere di fronte ad un’incisione.
Il 2019 per Adele Ceraudo è stato e continua ad essere di grande intensità sia artistica che umana, dopo  essere stata invitata a partecipare alla sesta edizione de “L’Arte Non Mente” a Udine, nell’Ex Ospedale Psichiatrico Provinciale, a cura di Donatella Nonino, in cui l’artista dà voce e corpo alla sofferenza percepita e alle urla di dolore delle “donne scomode”, rinchiuse in manicomio seppur non pazze.

Nascono due importanti collaborazioni, quella con il regista RAI Duccio Forzano, con cui creano il cortometraggioIo non sono pazza” girando all’interno dei corridoi, delle celle e dei padiglioni, e quella con il fotografo Carlo Mari, con cui creano “Electroshock”, un racconto fotografico, creato ad arte con la particolare tecnica di Carlo Mari, della performance “Abbracciami” anch’essa tenutasi all’interno degli spazi dell’ex manicomio.

 

 

Galleria fotografica

http://www.myebook.com/ebook_viewer.php?ebookId=122614
Accedi | Disegnato da LM Media