Rubriche archiviate per: NEWS

ECRUDO: THE PLACE TO BE

A Milano, in zona Tortona,

il nuovo Fine Dining Restaurant “Ecrudo”

ECRUDO: THE PLACE TO BE

IL LUOGO IN CUI ASSAPORARE NON SOLO CIBI MA UN MODO DI ESSERE.

Il progetto Ecrudo nasce dalla creatività di Alessandro Agrati, architetto e art director milanese che ha fatto della ricerca sul benessere assoluto, inteso a livello fisico, emotivo e spirituale la sua firma. L’estro di Agrati che si esprime attraverso le collezioni di home living, interior design, wellness arriva oggi al fine-dining con Ecrudo.

Ecrudo fa parte di un concept della società Italy First Sa ed è il primo di un progetto a largo respiro, con l’obiettivo di espandere e trasmettere lo stile di vita e l’eleganza italiani, non solo nel fine dining, ma anche nell’hotellerie di lusso “personalizzato” e nella gastronomia-bistrot d’eccellenza.

Il concept di Ecrudo come fine-dining trova a Milano la sua consacrazione. Cosa differenzia Ecrudo dalle proposte che affollano la scena milanese lo si percepisce dalle parole che lo stesso Agrati utilizza per spiegare il nome scelto per lo spazio di via Savona:

Ecrudo richiama il concetto di grezzo inteso come vero, primordiale, originario, senza orpelli. Ecrudo è un luogo dedicato al cibo, un posto fatto di verità e contrasti netti, con un’anima forte, mai banale, in cui buon cibo e buon vivere elevano il concetto di “stare bene” e lo dilatano nel tempo. La fretta, da Ecrudo, non esiste”.

Nulla a che fare col proporre esclusivamente piatti crudi, dunque, anche se il menu presenta anche una scelta di piatti di questo tipo. Ecrudo è un salotto milanese che viaggerà nel mondo portando con sé un’idea diversa di food&living. “Con Ecrudo – continua Agrati – siamo andati a togliere invece che aggiungere. Siamo tornati alle persone per riposizionarle al centro e per persone intendo l’ospite, ma anche lo staff che se ne prende cura”.

 

L’ambiente

Un’atmosfera calda e accogliente creata dai materiali, dalle luci soffuse, dai volumi e dal sapiente gioco delle contrapposizioni accoglie gli ospiti per ora solo per l’aperitivo e la cena. Colori avvolgenti e dai toni risposanti in tutte le varianti del beige, del tortora fino ai marron glacés con tocchi di aubergine e vert sauge, lampade essenziali con elementi naturali come la corda grezza.

Cento posti distribuiti su più ambienti: da quello iniziale, più informale, dedicato all’aperitivo e delineato sul grande banco bar, passando per la zona disegnata per il fine-dining più classico, per finire con il caveau-salotto, più appartato, silenzioso, arricchito con comode sedute in velluto di seta.

Il design è curato in ogni dettaglio, mai casuale, valorizzato dalle opere, create appositamente per Ecrudo, dall’artista brasiliana Malù Cruz Piani e dalla pittrice tridimensionale Giovanna La Falce.

 

Il team

Il primo passo verso lo “star bene” si compie in tavola. La cucina di Ecrudo è affidata ad Angelo Mancuso, con il coordinamento di Umberto Vezzoli, executive chef di tutto il Gruppo Italy First. Lo chef Mancuso, partenopeo, classe 1983, si è fatto apprezzare nelle cucine dei ristoranti 5 stelle di Londra, Firenze, Ravello, Gstaad per stabilirsi poi a Milano dove ha lavorato con Elio Sironi. Predilige una cucina fatta di sapori concentrati dal sole, dal mare e dalla terra. Un percorso di gusto che valorizzi il reale concetto di chilometro corto.

Insieme a Vezzoli hanno voluto per Ecrudo un cucina “primaria”. “Quella di Ecrudo – afferma Vezzoli – è una cucina fortemente basata sull’agricoltura integrata. La nostre proposte sono intimamente legate alla tradizione italiana e puntano sui principali ingredienti della cucina mediterranea”. Ogni sera il menu di Ecrudo suggerisce qualche idea per cambiare le abitudini alimentari cercando di calibrare l’estetica e il gusto. “Il crudo, o il “non troppo cotto”, è allegro, colorato, croccante, veloce e vitaminico adatto per fare il pieno di sostanze nutritive e godere dei benefici che la natura spontaneamente offre. In questo senso parliamo di profumi e sapori primari. Abbiamo creato tutto questo per farvi mangiare sano cercando i prodotti migliori d’Italia”. Come l’olio monocultivar, ad esempio, fatto con olive appartenenti ad un’unica varietà che in Italia sono in pochissimi a produrre.

La cantina di Ecrudo è curata da uno dei più noti sommelier al mondo, Piero Sattanino. Campione del mondo nel 1971 e fino al 1977, il sommelier piemontese ha contribuito a far conoscere questo mestiere in Italia. Per la carta dei vini di Ecrudo si è concentrato sulla buona enologia italiana, scegliendo aziende e produttori in alcuni casi poco noti così come piccoli Vignerons, tutti di alta qualità e con un giusto rapporto qualità/prezzo. “Particolare attenzione – spiega Sattanino – è stata posta su produttori in alcuni casi anche non certificati, ma che esprimono il proprio prodotto in modo biologico, prediligendo sostanze naturali. Dove possibile abbiamo elencato le uve usate per la vinificazione, con accenni geografici, denominazioni, nome del vigneto o il “Cru”, il “millésime” e il nome del produttore. Tante le regioni italiane rappresentate. Ampio risalto è stato dato anche ai vini Spumanti Italiani a Metodo Classico e Charmat rafforzati dalla presenta di alcuni Champagnes di qualità. La Carta dei Desserts proporrà l’abbinamento con i vini e gli spirits più adatti ad accompagnare le proposte dello Chef pasticcere”.

Per conoscere Ecrudo si potrà approfittare delle prossime serate a tema che saranno promosse insieme ai migliori produttori internazionali. Si partirà con due classici: Caviale&Champagne e il Tartufo.

 

Ecrudo

Via Savona 11 – Milano

Tel (+39) 02 83390006

ecrudomilano@ecrudo.it

www.ecrudo.it

Orari 19.00 – 24.00

Giorno di chiusura: Domenica

Aperture/chiusure straordinarie: Aperto il 24-25-31 Dicembre.

 

Continuum. Processo d’interazione tra spazio ambientale e pubblico di Raffaele Quida.

A cura di

Michela Casavola

Antonella Marino

Lorenzo Madaro

Milano – Ex Fornace – Alzaia Naviglio Pavese,16

Dal 13 al 23 Settembre 2017

Inaugurazione 13 Settembre 2017 ore 19:00

A cura di

Alessia Locatelli

Si terrà a Milano, dal 13 al 23 Settembre nei suggestivi spazi della Ex-Fornace – con il patrocinio del Municipio 6 del Comune di Milano – la quarta ed ultima tappa del progetto “Continuum” dell’artista leccese Raffaele Quida a cura di Alessia Locatelli. La mostra è conclusiva di un percorso che dal 2016 è approdato nelle principali città pugliesi e che ha come focus d’indagine il Corpo. Come l’artista racconta: “Il Corpo, dal momento del concepimento-nascita, ai coinvolgimenti relazionali e sociali. Questa indagine viene attivata attraverso l’immissione di oggetti industriali nel ritmo urbano, a diretto contatto con la collettività e con gli spazi in cui essa quotidianamente vive, con le sue abitudini e le sue necessità”. Una ricerca sull’esistenza, attraverso la lettura delle relazioni con lo spazio pubblico e sociale. La mostra milanese sintetizza tutto il progetto Continuum e si struttura posizionando nelle suggestive volumetrie della Ex Fornace (piano terra e piano2) le fotografie scattate nelle precedenti esposizioni e degli elementi “totemici” che hanno caratterizzato le installazioni urbane nelle città attraversate: Bari a cura di Antonella Marino, Lecce a cura di Lorenzo Madaro. Ci sarà inoltre la proiezione del video ripreso durante la performance della terza tappa di Taranto a cura di Michela Casavola.

Al piano secondo la mostra proseguirà con una installazione di carte fotosensibili in grandi dimensioni, collocate nei mesi di Luglio ed Agosto in un’altra location, e poi a Settembre, ri-posizionate per interagire con la luce milanese alle finestre che affacciano sul naviglio pavese. La luce interverrà tracciando le sagome di entrambe le geometrie architettoniche sulle carte in una interazione di luoghi geograficamente distanti, ma uniti in un ponte di luce concettuale.

Lo spazio pubblico della Ex Fornace si colloca coerentemente con l’idea di ridefinizione degli spazi urbani già attuata nelle precedenti esposizioni, in un tentativo d’indagine che dovrebbe indurre il fruitore ad una rielaborazione attraverso una serie di operazioni – fisiche e simboliche – che esprimono da un lato la crisi di disadattamento ambientale e dall’altro la rottura di equilibri precostituiti. La ridefinizione delle geografie cittadine e degli spazi pubblici entra così in una relazione profonda con la riflessione sul ciclo della vita: l’individuo nel suo periodo vitale, che non cessa con la morte, bensì rientra in un ciclo, in un Continum appunto spazio-temporale, in cui la polvere (la morte intesa come fine) non è altro che l’elemento costitutivo di nuove realtà tangibili.

TESTANERA E ACCESSORIZE CELEBRANO LA MODA CON UN SERVIZIO DI STYLING EXPRESS 23-24 settembre – Galleria Passarella, 2

Testanera, dopo un’estate 2017 alla ricerca degli ultimi trend a New York, documentati sui canali social del brand (https://www.facebook.com/TestaneraIT), torna presente a Milano per l’evento fashion italiano più importante dell’anno.

Insieme ad Accessorize, brand internazionale dedicato al mondo degli accessori moda, Testanera è di nuovo protagonista della Milano Fashion Week!

Da sempre a fianco delle consumatrici, Testanera celebra la moda e lo fa offrendo un esclusivo servizio di bellezza aperto a tutta la fashion community: sabato 23 e domenica 24 settembre, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 19.00, la boutique Accessorize in

Galleria Passarella 2 (nei pressi di Piazza San Babila) diventerà il luogo dove avvalersi di un hairstyling professionale e vivere un’esperienza da protagonista nella settimana più fashion dell’anno.

L’hairstyle è fondamentale per realizzare un look perfetto e non è semplice scegliere quello giusto che valorizzi il proprio volto e outfit. Per questo Testanera offre a tutte le donne la possibilità di ricevere una consulenza dedicata: all’interno della boutique

Accessorize, sarà presente una postazione di styling appositamente creata per accogliere tutte le beauty addicted che potranno scegliere insieme agli hairstylist professionisti di Testanera l’hairlook più adatto ad ognuna. Il team di hairstylist Testanera metterà a disposizione la propria expertise, svelando  i segreti della linea Palette Styling e realizzando acconciature e raccolti per non farsi cogliere impreparate dai fotografi di street style!

Solo per le bionde, inoltre, ci sarà la possibilità di provare Palette Blond Pastel Touch, lo spray temporaneo – dura fino a tre lavaggi – che regala un tocco di colore rosa pastello, per giocare con ciocche colorate o originali underlights – l’ultimo trend imperdibile.

Tutte coloro che parteciperanno all’iniziativa, riceveranno un omaggio Testanera. Un’occasione imperdibile per vivere la fashion week con un look impeccabile.

ACCADEMIA DEL LUSSO apre le porte a tutti gli appassionati di moda Dal backstage alla fashion performance in occasione della Vogue Fashion’s Night Out 2017

14 settembre 2017 ore 18:30

Milano, 8 settembre 2017 – Accademia del Lusso, istituto di alta formazione per la moda e il design, apre le porte a tutti gli appassionati di moda per il backstage della fashion performance che porterà nelle vie della città gli esclusivi abiti creati dagli studenti per l’evento YoUnique dello scorso giugno, abiti ispirati al tema del cambiamento in senso lato, inteso come ricerca di multifunzionalità, trasformabilità e eterogeneità espressiva. Tutti i capi si trasformano.

In occasione della Vogue Fashion’s Night Out 2017, giovedì 14 settembre 2017 a partire dalle 18.30 nella sede di Accademia del Lusso Milano in via Montenapoleone 5, chiunque lo desideri, durante l’evento avrà l’opportunità di incontrare i responsabili dell’orientamento per conoscere i corsi di moda e design.

Accademia del Lusso è l’istituto di moda che si occupa di alta formazione in modo innovativo e creativo. Dal 2005 è il luogo d’incontro tra le esigenze del mercato del lavoro e le aspirazioni di chi

intende intraprendere una carriera nel sistema dei grandi marchi della moda, del lusso e dell’alto di gamma.

Non è un caso che proprio la sua sede ufficiale si trovi in via Montenapoleone a Milano, tappa obbligata per tutti coloro che vogliono lavorare da veri professionisti nel settore.

 

Net Economy’s Got Talent: ecco la talentuosa vincitrice del premio dedicato alla Net Economy

E’ Fajoui Houda, una giovane talentuosa di 23 anni, la vincitrice di Net Economy’s Got Talent, l’iniziativa organizzata da FairOne S.p.A per supportare i più giovani ad inserirsi nello scenario della Net Economy.

L’intento dell’iniziativa era quello di offrire una borsa di studio del valore di 1000 euro ad uno studente meritevole di Economia & Management e Ingegneria Gestionale, che avesse dimostrato, durante il proprio percorso di studi, una forte propensione e interesse per le tematiche legate alla gestione d’impresa, alla finanza e all’intermediazione finanziaria collegate all’innovazione digitale e tecnologica.

Il regolamento completo dell’iniziativa svolta è disponibile qui https://www.mutuisupermarket.it/borsa-di-studio-studenti-economia.

La vincitrice, Fajoui Hounda è una ragazza di 23 anni, che vanta una laurea in Economia delle Banche e degli Intermediari Finanziari conseguita con lode. Attualmente è iscritta al secondo anno di Scienze Economico – Aziendale (specializzazione per Dottori Commercialisti e Revisori Legali) che sta concludendo con il massimo dei voti.

Hounda dai suoi professori viene definita: “Studentessa di prim’ordine, che ha saputo affiancare a un percorso di studi all’insegna dell’eccellenza una serie di esperienze lavorative che la hanno sicuramente forgiata […] Colpisce in Houda il desiderio profondo di migliorarsi continuamente”.

Queste sue caratteristiche l’hanno portata ad essere selezionata dall’Ernest and Young di Milano per partecipare al corso Talent – Lab Empower Your Future e dal Boston Consulting Group come una dei 100 migliori studenti italiani che parteciperanno al progetto “The Future Makers”.

Per il futuro ha in programma di partecipare a un progetto di ricerca di Dottorato.

La studentessa è stata giudicata da una giuria composta da Stefano Rossini, amministratore delegato e founder di FairOne S.p.A e di altre iniziative nel campo della comparazione online come Gruppo MutuiOnline, e Giuseppe Neri CTO e Responsabile IT di FairOne S.p.A.

 

 

 

#YOUnique la sfilata 2017

Accademia del Lusso, istituto di alta formazione per la moda e il design,

presenta il 13 giugno 2017, alla Fonderia Napoleonica Eugenia a Milano,

 la sfilata 2017 dal titolo #YOUnique.

Milano, 13 giugno 2017 – Capi multifunzionali sfilano in passerella passando con disinvoltura dal dailywear al nightwear con una trasformazione surreale, che avviene dal vivo, inaspettata e decisamente peculiare. Le collezioni si compongono di abiti dalla configurazione poliedrica, con un mood anti-statico, teso al movimento,quasi fluttuante ed etereo. Gli indumenti danno nuova vita al concetto di basico, con volumi fluidi e strutturati, forme transitorie e geometriche, con inediti richiami al fascino dell’oriente.

Sono 28 i fashion designer che sfilano, provenienti dalle sedi di Accademia del Lusso di Milano, Roma, Palermo e Belgrado e precedentemente selezionati. Lo show si articola in tre momenti distinti: una prima passerella ispirata al trend Re|think – con abiti daily dalla palette cromatica neutra come cipria, nude, sabbia e bianco latte-, seguito dal momento della trasformazione live dei capi, e da un secondo catwalk con le nuove vesti in chiave Re|mind.

La location, situata nel cuore del dinamico quartiere Isola, contribuisce alla resa di un’atmosfera antica e caratteristica, al contempo romantica e funzionale, come gli outifit on show. Materia che diventa arte, classici sinuosamente rivalutati, con una vivida connotazione moderna. Gonne a cono, corsetti, evening dress, con una cromia che rimanda a fragranti macaron menta e petalo di rosa, uniti a giacche, pantaloni ed accessori grintosi e dalle nuance neutre. Il poetico si mescola al minimal, il giorno alla notte, il concettuale ed espressivo al pratico e concreto. La fusione dei contrari è perfettamente riuscita in una effervescente miscela di creatività.

“Ho voluto che i designers fossero liberi di creare, mettendo alla prova loro stessi e il loro senso estetico – afferma Barbara L. G. Sordi, art director -. Ogni pezzo vive come capo a sé stante, da qui il titolo della sfilata. Il collante di tutte queste creazioni è il duplice mood ispirazionale che ha influito anche nella scelta delle palette cromatiche e nei materiali di ricerca, che caratterizzano gli outfit”.

La caratteristica principale: una doppia anima. Capi e accessori in grado di trasformarsi, rimanendo unici e mutevoli allo stesso tempo.

La sensazione: lusso contemporaneo e multifunzionale che contribuisce a rendere unico lo stile di chi lo indossa.

Keywords: Unicità, Design, Multifunzionalità, Ricerca, Lusso duraturo, Dettagli.

 

RE-THINK

Materiali e lavorazioni: fibre naturali, trasparenze opache, superfici texturizzate, materiali invecchiati, texture metallizzate.

Silhouette: la linea è semplice ma arricchita da volumi scultorei e dalla forma arrotondata. Minimalismo riformato.

Colori: terrigni e naturali. Sabbia, oro antico, carta da zucchero, terra, caramello, acquamarina, verde prato, verde muschio, corteccia.

 

RE-MIND

Materiali e lavorazioni: broccati, damascati, jacquard, pizzo, trasparenze opache,superfici materiche,

tessuti plissettati e ondulati, ricami floreali e stampe dal gusto vintage.

Silhouette: dal gusto bohemien, arricchita da volumi leggeri nelle maniche. Di ispiraizone romantica e organica.

Colori: avvolgenti e densi. Blu balena, grigio fumo, ottanio, rosso pompeiano, ciclamino, rosso aragosta, glicine, mango, pesca, nude.

LA BOHÈME

Dal 7 Giugno al 14 Luglio 2017 Teatro alla Scala

Giacomo Puccini

Opera in quattro quadri

Libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa

(Nuova edizione riveduta sulle fonti originali

a cura di F. Degrada; Casa Ricordi, Milano)

 

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala

Produzione Teatro alla Scala

Coro di Voci Bianche dell’Accademia Teatro alla Scala

Durata spettacolo: 3 ore inclusi intervalli

QUADRO PRIMO: 35 minuti / Pausa: 5 minuti / QUADRO SECONDO: 19 minuti / Intervallo: 35 minuti / QUADRO TERZO: 27 minuti / Intervallo: 25 minuti / QUADRO QUARTO: 28 minuti

Direttore  Evelino Pidò
Regia e scene Franco Zeffirelli
Regia ripresa da Marco Gandini
Costumi Piero Tosi
Luci Marco Filibeck

 

 

CAST

Mimì Sonya Yoncheva (7, 10, 13, 15, 20 giu.; 14 lug.)

Ailyn Pérez (30 giu.; 3, 5, 10 lug.)

Rodolfo Fabio Sartori
Marcello Simone Piazzola
Schaunard Mattia Olivieri
Colline Carlo Colombara (7, 10, 13, 15, 20 giu.; 3, 5 lug.)

Gabriele Sagona (10, 14 lug.)

Musetta Federica Lombardi
Benoit Davide Pelissero
Alcindoro Luciano di Pasquale
Parpignol Francesco Castoro*
Sergente dei doganieri Gustavo Castillo*
Doganiere Rocco Cavalluzzi* (7, 10, 13, 15, 20, 30 giugno, 5 luglio)

Paolo Ingrasciotta* (10, 14 luglio)

Venditore Ambulante Jeremy Schϋtz*

 

*Allievi dell’Accademia Teatro alla Scala

 

L’OPERA IN POCHE RIGHE

Dalla sua prima apparizione nel 1963 La bohème di Franco Zeffirelli ha incantato generazioni di spettatori e coinvolto una schiera ormai lunghissima di interpreti prestigiosi.

Le rappresentazioni di giugno e luglio 2017 forniranno l’occasione per il debutto scaligero di Sonya Yoncheva, che dopo il trionfo proprio come Mimì al Metropolitan nel 2014 ha conquistato i palcoscenici dei maggiori teatri del mondo. Accanto a lei, che si alternerà ad Ailyn Pérez già applaudita nella ripresa del 2015, un cast composto dalle migliori voci italiane: Fabio Sartori, Simone Piazzola, Mattia Olivieri e Carlo Colombara. Sul podio Evelino Pidò, un direttore nato in seno all’orchestra scaligera la cui brillante carriera internazionale lo ha portato a dirigere regolarmente nuove produzioni a Londra, Vienna e New York.

ACCADEMIA DEL LUSSO SFILATA 2017: #YOUnique

Appuntamento a Milano presso la Fonderia Napoleonica Eugenia

13 giugno 2017 ore 20:30

Milano, giugno 2017 – Accademia del Lusso, istituto di alta formazione per la moda e il design, presenterà il 13 giugno 2017, nella suggestiva cornice delle Fonderia Napoleonica Eugenia a Milano, la sfilata 2017 dal titolo #YOUnique.

 

Il concept dello show, in linea con i macro trend emersi dal creative board di Accademia, è ispirato al tema del cambiamento in senso lato, inteso come ricerca di multifunzionalità, trasformabilità e eterogeneità espressiva. Tutti i capi si trasformano in altro: un nuovo abito, una borsa, un accessorio. Tutto è unico, tutto è mutevole.

Sono 25 i fashion designer che sfileranno, provenienti dalle sedi di Accademia del Lusso di Milano, Roma, Palermo e Belgrado e precedentemente selezionati. Lo show si articolerà in tre momenti distinti: una prima passerella ispirata al trend Re|think – con abiti daily dalla palette cromatica neutra come cipria, nude, sabbia e bianco latte -, seguito dal momento della trasformazione live dei capi, e da un secondo catwalk con le nuove vesti in chiave Re|mind.

Uno spaccato creativo multiforme, total rock, capace di tracciare dei nuovi confini estetici e concettuali del vivere quotidiano.

Accademia del Lusso è l’istituto di moda che si occupa di alta formazione in modo innovativo e creativo. Dal 2005 è il luogo d’incontro tra le esigenze del mercato del lavoro e le aspirazioni di chi intende intraprendere una carriera nel sistema dei grandi marchi della moda, del lusso e dell’alto di gamma.

Non è un caso che proprio la sua sede ufficiale si trovi in via Montenapoleone a Milano, tappa obbligata per tutti coloro che vogliono lavorare da veri professionisti nel settore.

 

ACCADEMIA DI MODA

Accademia del Lusso

Accademia del Lusso nasce nel 2005 con lo scopo di garantire una formazione di alto livello a giovani motivati che desiderano costruire una carriera nel campo della moda e a professionisti del settore che vogliono perfezionarsi e aggiornare le proprie conoscenze.

L’obiettivo dell’istituto è preparare figure professionali complete, che abbiano una visione globale di ogni fase della creazione e commercializzazione nel settore del lusso e che siano in grado di sviluppare e operare in maniera competitiva.

Metodo formativo

Il metodo formativo di Accademia del Lusso si basa su un approccio innovativo che segue due percorsi strettamente connessi tra loro: quello tecnico-creativo e quello dedicato al management.

Didattica esclusiva

La didattica di Accademia del Lusso è esclusiva anche grazie all’autorità e all’esperienza sul campo dei suoi docenti, che sono tutti professionisti affermati nei diversi ambiti della moda. È per questo che la scuola di moda è in grado di fornire ai suoi allievi una preparazione multidisciplinare costantemente aggiornata e collegata con il mercato del lavoro.

Riconoscimenti

Tra i vari riconoscimenti ricevuti da Accademia del Lusso è importante ricordare il Premio alla Carriera e alle Professioni Moda per la sezione “Istituti e Accademie Moda” assegnato nel corso di Roma Fashion White 2007.

I corsi di moda

  • Master con possibilità di stage: 9 mesi di attività volte a creare una figura professionale che faccia da anello di congiunzione tra pensiero creativo e mercato.
  • Post Diploma: corsi riservati a tutti gli studenti in possesso del diploma di scuola media superiore che desiderano acquisire tecnica e professionalità operativa.
  • Professional Courses: hanno una durata che varia da un minimo di 6 mesi a un massimo di 8 mesi con frequenza individuale o collettiva, ideali per chi vuole approfondire e perfezionare le conoscenze professionali alle richieste dalle aziende del Fashion & Luxury System.
  • Short Courses: hanno una durata di 3 mesi, con frequenza individuale o collettiva, perfetti per chi vuole acquisire conoscenze mirate.

 

 

LA MISSIONE

Una formazione innovativa e professionalizzante

La missione di Accademia del Lusso è garantire ai suoi allievi una formazione innovativa e altamente professionalizzante attraverso metodi efficaci e all’avanguardia. L’obiettivo principale è aiutare i giovani studenti a conseguire un attestato che sia realmente spendibile nel mercato del lavoro.

Caratterizzata dall’attenzione al mondo delle professioni, la scuola di moda imposta la sua offerta formativa sulla base delle richieste specifiche che provengono dai mercati di riferimento per creare figure professionali che rispondano alle necessità reali delle aziende del settore.

È per questo che le lezioni sono interattive e i programmi innovativi, ricchi di casistiche concrete e sempre in linea con le esigenze del mondo produttivo.

 

www.accademiadellusso.com

Una formazione innovativa e professionalizzante

La missione di Accademia del Lusso è garantire ai suoi allievi una formazione innovativa e altamente professionalizzante attraverso metodi efficaci e all’avanguardia. L’obiettivo principale è aiutare i giovani studenti a conseguire un attestato che sia realmente spendibile nel mercato del lavoro.

Caratterizzata dall’attenzione al mondo delle professioni, la scuola di moda imposta la sua offerta formativa sulla base delle richieste specifiche che provengono dai mercati di riferimento per creare figure professionali che rispondano alle necessità reali delle aziende del settore.

È per questo che le lezioni sono interattive e i programmi innovativi, ricchi di casistiche concrete e sempre in linea con le esigenze del mondo produttivo.

 

www.accademiadellusso.com

 

L’Arte in Condominio

VENERDÍ 5 MAGGIO ALLE 18

INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA COLLETTIVA “ARTE IN CONDOMINIO”

PRESSO LA LIBRERIA HOEPLI DI MILANO

Milano, 4 maggio 2017 – Si terrà il prossimo 5 maggio alle 18 l’inaugurazione della mostra collettiva “Arte in Condominio” ideata e realizzata da DONGHI–gestioni immobili, che da 3 anni, attraverso un concorso fotografico nazionale gratuito, diffonde e tutela il benessere di tutte le persone che vivono e lavorano nei condomìni italiani.

Quest’anno il Premio Donghi promuove alcune iniziative culturali: primo fra tutti il concorso fotografico nazionale gratuito, quest’anno dedicato a “Vivere con l’ARTE. BenESSERE in Condominio” che ha chiuso le iscrizioni lo scorso 26 aprile e che si è rivolto a professionisti, fotoamatori e dilettanti, a partire da 18 anni, con residenza o domicilio lavorativo in Italia.

Il concorso vuole essere una concreta occasione per confermare l’interesse di DONGHI nel promuovere la cultura e innalzare la qualità dell’abitare, aumentare il comfort ed il valore patrimoniale degli immobili e sostenere la creatività degli artisti/e Made in Italy.

All’interno della prestigiosa Libreria Hoepli, nel cuore di Milano in via Hoepli 5, la mostra collettiva “l’Arte in Condominio” dal 05.05.2017 al 26.05.2017 vedrà esposte le immagini selezionate dalla Giuria Ufficiale che hanno partecipato al concorso fotografico, con l’obiettivo di attrarre l’attenzione di tutti i cittadini/e per una maggiore sensibilizzazione alla presenza dell’Arte in Condominio.

L’allestimento della mostra sarà curato insieme all’artista Gabriella Torri.

Interverranno Matteo Ulrico Hoepli, Consigliere d’Amministrazione di Hoepli Spa, Alga Rossi, Presidente Sezione Milano Distretto Nord-Ovest FIDAPA

BPW-Italy, Eleonora Tarantino, Presidente dell’Associazione Culturale Ponti x l’Arte, Nicola D’Amico, giornalista e saggista oltre che Presidente della Giuria Ufficiale, Giulio Cerocchi, professionista fotografo, Antonio Schiavano, professionista fotografo.

Seguirà un brindisi di benvenuto per gli ospiti.

E’ preferibile per i partecipanti  REGISTRARSI ON-LINE a questo link

Il Premio Donghi è realizzato con il sostegno della Libreria Hoepli, ed è patrocinato da più enti, tra cui: F.I.D.A.P.A. – B.P.W. ITALY, A.N.A.C.I. Milano, Associazione Culturale Biblioteca Famiglia Meneghina-Società del Giardino, Associazione Green City Italia, Associazione Garden Club Milano, Associazione Ikebana Ohara Chapter Milano, Consulta Femminile Interassociativa di Milano, con il sostegno di: F.I.D.A.P.A.-.B.P.W. ITALY Distretto NO-Sezione Milano, media partnership di: CasaFacile, Condominioweb, Fiori&Foglie-blog verde di Tgcom24, testata online del Gruppo Mediaset, Coolmag, media di settore: Foto Cult, e partner tecnico: Magogel, Azienda vitivinicola Guidi Fiorenzo, Il Centro della Copia, Bricocenter – Milano v.le Corsica, Associazione Ponti x l’arte.

 

 

Poesia inedita: vincitore assoluto Gianluca Regondi

Il poeta lombardo si aggiudica la quarta edizione del premio nazionale organizzato dagli Amici di L. Ron Hubbard con l’opera “Fragile”

Palazzo Visconti, Milano – 30 aprile. Quasi 300 persone in piedi per applaudire il poeta Gianluca Regondi, vincitore assoluto del premio nazionale degli Amici di Ron, tema “Vivo sul pianeta Terra”. Emanuele Tesser vince nella videopoesia e Marco Bottoni nel monologo teatrale.

Domenica pomeriggio a palazzo Visconti si è respirata l’atmosfera delle grandi occasioni, ospite d’onore Elisabetta Armiato già prima ballerina interprete del Teatro alla Scala di Milano ed étoile della danza Italiana nel mondo.

L. Ron Hubbard – ha esordito Renato Ongania presidente del premio e direttore dell’ufficio delle relazioni pubbliche personali di L. Ron Hubbard per l’Italia – è stato uno dei più famosi e più ampiamente letti scrittori nella storia, con 350 milioni di copie delle sue opere in circolazione con 34.235 singole opere pubblicate.  Nel corso della sua lunga carriera ha avuto a cuore il destino degli scrittori tanto da impegnarsi in prima persona per promuovere gli inediti, gli emergenti e aiutarli. ‘Giorno per giorno, postulando le nuove realtà del futuro, l’artista realizza una rivoluzione pacifica’ scrive Hubbard, grazie a tutti voi rendiamo questa rivoluzione pacifica più concreta”.

Donatella Rampado, scrittrice e coordinatrice delle tre giurie, prima delle premiazioni e declamazione delle opere, ha presentato l’edizione su carta dell’antologia della collana legata al premio, curata degli Amici di Ron, titolo: “Alla Ricerca della Verità – viaggio nel mondo della poesia inedita”, tiratura 500 copie.

Gianluca RegondiAl tavolo di giuria hanno così preso posto il presidente della sezione poesia inedita, la poetessa Maria Giovanna Bonaiuti ed i giurati: Sara Rodolao – madrina dell’evento, il poeta Rodolfo Vettorello e Roberta Di Febo preside del Liceo Musicale e Coreutico Giuditta Pasta (Como). “Come si può leggere nel verbale di giuria, sono state valutate 419 poesie inedite – ha riferito Bonaiuti – “Primo premio assoluto va a Gianluca Regondi con l’opera Fragile”. Per lui anche un week-end a Londra, offerto degli Amici di Ron.

Secondo classificato Nicola Cordioli, terza è giunta Milena Cicatiello. Quarto posto per Agostina Spagnuolo, Antonella Damato, Chiara Marinoni, Donatella Nardin, Rosanna Cracco e Stefano Magnani. Menzione di merito per Carmelo Loddo, Consuelo Ziggiotto, Giorgio Cavalli, Giulia Molino e Giuseppe Leccardi.

La sezione Monologo teatrale la cui giuria è stata presieduta da Fabrizio De Giovanni e composta da Maria Chiara Di Marco, Jessica Polsky e Pasquale Quaglia, ha valutato invece 29 opere e premiato Marco Bottoni primo classificato, seguito da Cinzia Pachioli.

Nella sezione del premio dedicata alla Videopoesia, la giuria è stata presieduta da Nunzio Buono e composta da Stefania Salardi, Grazia Romanoni e Fabio Amato. A loro il compito di passare in rassegna 19 opere. Primo posto conferito a Emanuele Tesser, seconda Serena Manzone seguita da Patrizia Stefanelli.

Nel corso dell’evento è stata consegnata una targa alla carriera letteraria “Per l’impegno e la passione nella ricerca poetica” alla poetessa Ninnj Di Stefano Busà ed al poeta cav. Hafez Haidar.

A fare da cornice all’evento, una serie di performance artistiche molto apprezzate dal pubblico curate dal Direttore Artistico Fabrizio Lello: dall’Accademia Giuditta Pasta presieduta da Roberta Di Febo, gli insegnanti Consuelo Gilardoni (arpa e voce) e Daisy Citterio (flauto traverso); Luca Campioni (violino). Reading e interpretazioni delle opere realizzati da Luca Forlani, attore iscritto all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma. Regia video a cura di Gianni Vacca Wall Screen Video (Svizzera). Per maggiori informazioni www.premiodipoesia.it

 

 

 

Galleria fotografica

http://www.myebook.com/ebook_viewer.php?ebookId=122614
Accedi | Disegnato da LM Media