Rubriche archiviate per: NEWS

Giornata Mondiale del Libro: alla scoperta delle caffetterie che hanno ispirato i più grandi scrittori in giro per il mondo con Musement

In occasione della Giornata Mondiale del Libro, Musement ha stilato una lista dei caffè letterari nel mondo, i preferiti di Ernest Hemingway, Antonio Machado o J.K. Rowling.

Milano, 11 aprile 2018. Viaggiare e leggere sono due passioni che spesso vanno di pari passo perché, in molti casi, i libri sono la compagnia perfetta per chi viaggia alla scoperta del mondo: sono molti coloro che partono all’avventura per visitare i luoghi descritti nei loro romanzi preferiti, per vedere i posti che hanno ispirato i grandi scrittori, e per visitare i luoghi dove alcuni dei romanzi più famosi del mondo sono stati scritti.

Per questo motivo, e in occasione della celebrazione della prossima Giornata mondiale del Libro, Musement, una piattaforma per la prenotazione di esperienze culturali e di svago, ha fatto una lista di alcuni dei caffè/delle caffetterie in cui si incontravano gli scrittori più famosi del mondo.

 

  • Cafè A Brasileira, Lisbona. Chi visita la capitale portoghese non può non visitare il Café A Brasileira (Rúa  Garrett, 122). Si trova nel quartiere storico Chiado, ed era uno dei posti  preferiti del poeta Fernando Pessoa, tanto che all’ingresso c’è una statua di bronzo eretta in suo onore. Il locale appare anche sulla copertina del libro Sostiene Pereira di Antonio Tabucchi.
  • Caffè El Fishawi, Cairo. Nella capitale egiziana troviamo il Café el Fishawi (El-Fishawi; El-Fishawi Alley; Khan al-Khalili), un luogo dal fascino unico caratterizzato da meravigliosi specchi. E’ stato anche uno dei luoghi dove il premio Nobel Naghib Mahfuz ha trovato ispirazione.
  • Floridita, L’Avana. Floridita (Obispo, L’Avana), nella capitale cubana era la caffetteria frequentata  da Ernest Hemingway e infatti c’è una sua statua nel locale, oltre che un drink creato in suo onore.  Ma non era l’unico scrittore famoso a passare il suo tempo al Floridita: tra i suoi avventori si contano anche Tenessee Williams, Jean-Paul Sartre e Graham Greene.
  • Cafè Comercial, Madrid. Il Café Comercial (Glorieta de Bilbao, 7) era uno dei luoghi preferiti da artisti, scrittori e intellettuali: fra i suoi frequentatori c’erano scrittori come Antonio Machado, Ignacio Aldecoa, Enrique Jardiel e Gloria Fuertes.
  • The Elephant House, Edimburgo. Harry Potter, una delle saghe più famose del mondo, nacque proprio tra le mura dell’Elephant House (21 George IV Bridge). In questa caffetteria, J.K. Rowling ha dato libero sfogo alla sua immaginazione per creare un mondo letterario che ha catturato grandi e piccini.
  • Eagle and Child, Oxford. In una delle città universitarie più famose del mondo si trova il pub Eagle and Child  (St. Giles), che dispone di un’area chiamata The Rabbit Room: si tratta di uno spazio situato sul retro del locale dove si riuniva ogni martedì il gruppo letterario conosciuto come gli Inklings, di cui facevano parte J.R.R.Tolkien e C.S.. Lewis.
  • Antico Caffè Greco, Roma. Per gli amanti della letteratura l’appuntamento a Roma è all’Antico Caffè Greco (Via Condotti, 86), uno dei più antichi caffè della città, inaugurato nel 1760. È stato frequentato da scrittori illustri come Stendhal, Mary Shelley, Lord Byron, Goethe, Charles Dickens, Hans Christian Andersen e Schopenhauer.
  • The White Horse, New York. Tra i clienti abituali di questo pub, che si trova nel West Village (567 Hudson Street), c’erano gli scrittori Dylan Thomas, Jack Kerouac, Norman Mailer e James Baldwin, ma anche cantanti come Jim Morrison e il vincitore del Premio Nobel per la letteratura nel 2016 Bob Dylan.
  • Les  Deux Magots, Parigi. Situato in Place Saint-Germain-des-Près 6, questo luogo era frequentato dai premi Nobel André Gide, Ernest Hemingway, Jean-Paul Sartre, Simone de Beauvoir, Ernesto Sabato e André Breton.
  • Els Quatre Gats, Barcellona. Questo locale situato a Carrer de Montsió è diventato uno dei più popolari tra gli artisti e scrittori che si trovavano a Barcellona. Il poeta Ruben Darío è stato uno dei primi a visitarlo, e Santiago Rusiñol era uno dei clienti abituali.

 

CONTAMINIAMOCI

ACCADEMIA DEL LUSSO E AMARTE

presentano

 “CONTAMINIAMOCI”

DAL 16 AL 22 APRILE 2018 – dalle h 10 alle h 19

Serata Evento: Mercoledì 18 Aprile 2018 dalle h 18 alle h 22

 

In occasione del SALONE DEL MOBILE di Milano, AMARTE organizza presso la prestigiosa sede dell’ACCADEMIA DEL LUSSO – Scuola di Moda e Design, un evento inserito ufficialmente nel calendario del Fuori Salone.

Milano, 16 aprile 2018 – Dal 16 al 22 Aprile 2018, in occasione del SALONE DEL MOBILE di Milano, AMARTE organizza presso la prestigiosa sede dell’ACCADEMIA DEL LUSSO – Scuola di Moda e Design, di via Montenapoleone 5, un evento inserito ufficialmente nel calendario del Fuori Salone ove Arte e Design dialogano perfettamente tra loro, contaminandosi e stimolandosi.

 

CONTAMINIAMOCIdi Gabriele Polidori e Laura Zenia cura di Serena Mormino – racconterà al pubblico e agli studenti dell’Accademia come DESIGN, ARTE e MODA siano denominatori comuni di Cultura e di eccellenza italiana nel mondo, influenzati reciprocamente più che mai gli uni dagli altri, in termini di tendenze, forme, prodotti e filosofia, ma anche di economia e socializzazione.

Design come forma d’Arte, il confine tra progettazione e quindi scienza, design e arte diventa sempre più confuso o semplicemente diversamente interpretabile.

Un’Arte fruibile anche nel quotidiano, un’Arte tangibile nella sua completezza e percepibile con maggiore intensità, un’intensità che coinvolge il senso della vista e del tatto, che genera una tangibilità anche fisica laddove ci accoglie e ci avvolge nel domestico.

Laura Zeni e Gabriele Polidori omaggiano due discipline così vicine e strettamente correlate, con la spontaneità tipica di chi ama in modo incondizionato e non si sofferma a vincoli imposti dai più. E con altrettanta spontaneità nascono lavori a quattro mani – PROFILE CHAIRS – derivanti dai due percorsi più identificativi dei due: i ritratti e profili della Zeni e le sedie Anagramma componibili e scomponibili di Polidori.

Un filo rosso conduttore capace di tracciare segni grafici e pennellate gestuali con leggerezza ma forte carattere.

 

Sede:

ACCADEMIA DEL LUSSO

Via Montenapoleone 5 – 3 piano -MILANO

DAL 16 AL 22 APRILE 2018 – dalle h 10 alle h 19

Serata Evento: Mercoledì 18 Aprile 2018 dalle h 18 alle h 22

 

 

Sol&Agrifood – Vinitaly 2018

un’esclusiva food pairing experience con birra Pater Linus e il cioccolato belga Callebaut

Continua la collaborazione tra Warsteiner e Chocolate Academy Center Milano con una degustazione aperta al pubblico della fiera.

Lunedì 16 aprile 2018 dalle h. 15.00 alle h. 16.00, nella sezione corsi/area-birra di Unione Degustatori Birre, sarà possibile partecipare alla degustazione guidata dal maître chocolatier Davide Comaschi della birra Pater Linus e del cioccolato extra fondente Satongo di Callebaut, blend di monorigini del noto marchio belga, declinato in un napolitain. Il sapore intenso e complesso del cioccolato Satongo diventa il croccante contrappunto alle note fruttate e lievemente amaricanti della birra Pater Linus, creando un insieme di sapori davvero inedito.

La degustazione è aperta al pubblico della fiera: una straordinaria occasione per essere i protagonisti di un’esperienza esclusiva ed “assaporare” una delle ultime tendenze nel mondo del food.

SEGUI LA CHOCOLATE ACADEMY MILANO SUI SOCIAL:

Facebook: www.facebook.com/chocolateacademyMilano/

Twitter: twitter.com/ChocoAcademyMI

Instagram: chocolateacademymilano

Hashtag ufficiale: #ChocolateAcademyMI

 

SEGUI WARSTEINER SUI SOCIAL:

Facebook: https://www.facebook.com/WarsteinerItalia

Instagram: https://instagram.com/warsteineritalia/

#warsteiner #warsteineritalia

 

 

SOTTO IL VESTITO: VERNIA

16 aprile 2018 – ore 20,45

 

SPETTACOLI.PRO in collaborazione con duepunti
presenta

GIOVANNI VERNIA

SOTTO IL VESTITO: VERNIA

di Giovanni Vernia

 

Giovanni è un ragazzo normale, nasce a Genova e proviene da una famiglia di origini meridionali. Il padre, maresciallo della Guardia di Finanza, gli dà un’educazione severa e i mezzi per studiare. Giovanni si laurea così a pieni voti in ingegneria e si trasferisce a Milano dove si avvia ad una brillante carriera da manager. Tutto sembra andare perfettamente ma un giorno, quasi per caso, si trova catapultato nel mondo dello spettacolo e la sua vita cambia.

Un one man show in cui l’Artista ci racconta in modo autoironico i disagi di un “famoso per caso” e ci svela chi c’è veramente sotto tutte le maschere cult a cui ci ha abituato, da Jonny Groove a Marco Mengoni, da Fedez a Jovanotti, da Pif a Gianluca Vacchi: una persona normale con le manie, i tic e i vizi che tutti abbiamo, ma con la voglia di riderci sopra.

Protagonista dello show anche la musica, grande passione dell’Artista. Grazie alla presenza live sul palco del Maestro Marco Sabiu, sono tanti i momenti in cui la musica diventa l’arma privilegiata per ironizzare su molti fenomeni dei nostri tempi e creare momenti di show esilaranti.

Due ore di spettacolo mai uguale che si modifica ad ogni tappa, si adatta a luoghi e persone: materia sempre plasmabile dalla fantasia mai distratta dell’Artista.

Note di Paolo Uzzi – collaboratore ai testi

Il divertimento in questo nuovo spettacolo, nasce tutto dalla capacità innata di Giovanni Vernia nel saper

raccontare aneddoti della sua vita e curiosità, riuscendo a rendere vivi i protagonisti delle sue storie. Non è quindi uno spettacolo semplicemente narrato, ma è come si entrasse in un film, che poi è quello che riesce a ricreare parlando di se stesso. Il talento comico di Giovanni Vernia risiede proprio in questo, nel fatto che lo spettatore non si reca a vedere uno spettacolo, ma ne entra a far parte, ne viene avvolto, attraverso le performance dell’attore, tutte differenti tra loro, spaziando dalla musica, al canto, dalla parodia al ballo.

Insomma, andando via dal Teatro non si ha soltanto l’impressione di essersi divertiti con Giovanni Vernia, ma di essere entrato a far parte della sua vita, del suo modo di essere e di pensare.

 

BIGLIETTI Prestige € 27,00  –  Poltronissima € 25,00  –  Poltrona € 18,00  –  Under  26 anni € 13,50

ACCADEMIA DEL LUSSO OPEN DAY E WORKSHOP

Giovedì 12 aprile dalle ore 14

a Milano in Via Chioggia 2/4

 

In occasione dell’Open Day sarà possibile partecipare a workshop pratici organizzati da Accademia del Lusso e conoscere tutti gli aspetti della creazione dei trend books insieme ad A+A Design Studio

Milano, 9 aprile 2018 – Accademia del Lusso, istituto di alta formazione per la moda e il design, giovedì 12 aprile 2018 dalle ore 14 apre le porte del Luxury Lab di Via Chioggia 2/4 a Milano a tutti coloro che vorranno scoprire l’offerta formativa proposta dall’Accademia per i principali profili professionali: dalla moda al marketing, dal brand management al fashion design e alla comunicazione moda.

Il programma dell’Open Day comincerà alle ore 14 con una serie di workshop, suddivisi in due turni: il primo dalle 14 alle 15:30 e il secondo dalle 15:30 alle 17.

  • Tecniche di manipolazione tessile
  • Fashion design
  • 3D Accessories design
  • Fashion Styling & Shooting

 

Si proseguirà dalle 17:30 con la conferenza tenuta da Simona Soldaini, Responsabile Internazionale Trend Books di A+A Design Studio, che racconterà il mondo dei trend books: Cosa si nasconde dietro la definizione delle tendenze stagionali? Come avviene la creazione dei trend books destinati ai professionisti del settore moda & design?

 

Per partecipare all’Open Day è necessario confermare la propria presenza

Tel. 02 2619323

luxurylab@accademiadellusso.com – www.accademiadellusso.com

 

Questi fantasmi!

Dal 10 al 22 aprile 2018 al Piccolo Teatro Strehler

Nuova produzione del capolavoro di Eduardo

con la regia di Marco Tullio Giordana

 

Dal 10 al 22 aprile, va in scena al Piccolo Teatro Strehler, Questi fantasmi!, commedia sulla vita tra realtà e maschera, scritta da Eduardo De Filippo nel 1945.

In scena la compagnia di Luca De Filippo diretta da Carolina Rosi.

 

È con la messa in scena di Questi fantasmi!, capolavoro di Eduardo, che Elledieffe, la compagnia di Luca De Filippo oggi diretta da Carolina Rosi, ha ripreso il lavoro dopo la prematura morte del suo fondatore. Marco Tullio Giordana è il regista dello spettacolo che vede Gianfelice Imparato nei panni del protagonista. Questa messa in scena, racconta Carolina Rosi, è la “sintesi di un lavoro che ha avviato percorsi artistici condivisi, e che continua, nel rigoroso segno di Luca, a rappresentare e proteggere l’immenso patrimonio culturale di una delle più antiche famiglie della tradizione teatrale italiana”.

 

Questi fantasmi! è una commedia in tre atti, scritta nel 1945 ed è una delle prime opere di Eduardo ad essere rappresentata all’estero (nel 1955 a Parigi, al Théâtre de la Ville con Sarah Bernhardt), ha raccolto unanimi consensi in tutte le sue diverse edizioni. Un successo assoluto ascrivibile allo straordinario meccanismo di un testo che, nel perfetto equilibrio tra comico e tragico, propone  uno dei temi centrali della drammaturgia eduardiana: quello della vita messa fra parentesi, sostituita da un’immagine, da un travestimento, da una maschera imposta agli uomini dalle circostanze.

La commedia, dopo Napoli Milionaria!, è la seconda della raccolta Cantata dei giorni dispari. Eduardo si ispirò, probabilmente, per la sua realizzazione a un episodio di cui fu protagonista suo padre, Eduardo Scarpetta. Racconta infatti quest’ultimo che la sua famiglia, in ristrettezze economiche, fu costretta a lasciare la propria abitazione da un giorno all’altro. Il padre riuscì a trovare in poco tempo una nuova sistemazione, all’apparenza eccezionale, in rapporto all’affitto ridottissimo da pagare. Dopo alcuni giorni si chiarì il mistero: la casa era frequentata da un impertinente “monaciello”…

“Per me, più che raccogliere un’eredità, si tratta di continuare il lavoro che Luca ha svolto sul repertorio di Eduardo, un lavoro che definirei di precisione filologica e contemporaneamente di continuo aggiornamento. Questo non ha significato per Luca l’asserzione di un unico paradigma né lo sbarramento di altre strade (tant’è vero che le commedie di Eduardo sono sempre state a disposizione anche di altre compagnie), ma per lui, che l’aveva “nel sangue”, il mondo di Eduardo non poteva che 

rispettare le intenzioni dell’Autore, intenzioni di cui era stato addirittura testimone. Non potrò ovviamente fare la stessa cosa, ma per quel che mi sarà possibile intendo rimanere fedele al suo esempio. D’altronde Il manoscritto originale di ‘Questi fantasmi!’, datato 1945, dà indicazioni dettagliatissime.”

 

Marco Tullio Giordana

 

 

LA PRIMAVERA DEI GIARDINI

il verde di un prato e gli alberi in fiore

diventano cornice per un insolito quadro di rinascita sociale

Domenica 8 aprile 2018 – dalle 09.00 alle 17.00 – via Rogoredo (Giardini) Milano (MM3 Rogoredo)

(In caso di maltempo l’evento sarà posticipato a domenica 15 aprile 2018)

Milano, 4 aprile 2018 – Il Gruppo di Cittadini di Rogoredo, in stretta collaborazione con le associazioni e i commercianti aderenti all’iniziativa e con il Patrocino del Municipio 4 di Milano, organizza ‘La Primavera dei Giardini’: Il nome dell’evento non vuole solo far riferimento alla primavera come stagione, ma vuole richiamare l’idea di ritorno alla socialità in un luogo che da diversi anni ha perso la sua naturale funzione di aggregazione e convivialità.

L’appuntamento è per domenica 8 aprile 2018 – dalle 09.00 alle 17.00 – in via Rogoredo (Giardini) Milano (MM3 Rogoredo). L’iniziativa, alla sua seconda edizione, è un evento spontaneo in cui il verde di un prato e gli alberi in fiore diventano cornice per un insolito quadro di rinascita sociale.

L’idea del progetto rimane quella di trascorrere una giornata all’aria aperta godendo di tutte le opportunità che i Giardini possono offrire negli spazi messi a disposizione: le panchine, le aree giochi per i bambini, il prato e i sentieri del percorso botanico.

Oltre ai cittadini saranno invitate le Associazioni e i Comitati che vogliano organizzare in autonomia momenti di intrattenimento sportivo o artistico, angoli di lettura, lavori creativi con i bambini o la riscoperta dei giochi di una volta: ad ognuno sarà assegnato un luogo ed un orario specifico.

Ogni partecipante, visitatore, passante curioso, costituirà una tessera speciale del mosaico che si andrà pian piano costruendo, in cui creare nuovi legami, collaborazioni ed amicizie”, sono queste le parole di Pierangelo Tomaselli, cittadino del quartiere Rogoredo di Milano che che ha ideato il progetto.

 

 

 

NON MI HAI PIÙ DETTO TI AMO

Dal 5 AL 22 aprile 2018

Milleluci Entertainment

 

Lorella Cuccarini    Giampiero Ingrassia

NON MI HAI PIÙ DETTO TI AMO

scritto e diretto da

Gabriele Pignotta

con

Raffaella Camarda, Francesco Maria Conti e Fabrizio Corucci

Musiche Giovanni Caccamo

Scene Alessandro Chiti

Costumi Silvia Frattolillo

Light designer Umile Vainieri

Sound designer Luca Finotti

Dopo 20 anni, LORELLA CUCCARINI e GIAMPIERO INGRASSIA, la straordinaria coppia di Grease, torna a lavorare insieme per la prima volta in una commedia inedita, scritta e diretta da Gabriele Pignotta.

Uno spettacolo ironico, intelligente, appassionante, cucito addosso a due protagonisti perfetti: istrionici e straordinariamente affiatati.

La famiglia è il motore principale dello spettacolo e si mostra con le sue fragilità e con la sua forza. L’amore tra uomo e donna e tra genitori e figli è visto con leggerezza ma anche con passione, sbirciando attraverso la quotidianità: risate, lacrime, sospetti, cambiamenti e tante altre piccole e grandi situazioni condiscono la commedia interpretata da 5 bravissimi attori, in cui ognuno di noi può ritrovare uno spaccato della sua vita.

La produzione è ambiziosa e importante: un allestimento di altissimo livello saprà regalare allo spettatore momenti di assoluto divertimento e di grande emozione.

 

Note di regia

La famiglia è ancora il cardine della società e il nostro punto di riferimento assoluto? Come si stanno evolvendo le nostre famiglie alla luce delle trasformazioni sociali, politiche ed economiche in atto? È questo il tema attualissimo sul quale nasce e si sviluppa questa ironica e sorprendente pièce teatrale.  In sintesi si tratta della storia di una famiglia italiana contemporanea, costretta ad affrontare un  cambiamento traumatico improvviso che, alla fine di un percorso umano difficile ed intenso, si ritroverà completamente trasformata e  forse più preparata a sopravvivere.

 

Lorella Cuccarini, accetta la sfida di interpretare il ruolo di una madre, Serena, che trova la forza di mettersi in discussione in seguito ad un imprevedibile, ma forse “salvifico”, incidente di percorso. Questa super-mamma e moglie perfetta che porta sulle sue spalle tutta l’organizzazione e la responsabilità della famiglia, capisce che forse questo ruolo non è più funzionale alla sua felicità e, con grande coraggio, decide di recuperare sé stessa e il suo essere donna rimettendo completamente in gioco tutti gli equilibri.

Suo marito Giulio (un ineguagliabile Giampiero Ingrassia) inizialmente destabilizzato da questo repentino cambiamento, troverà la forza di reagire, riscoprendo finalmente il suo ruolo di marito e di genitore per troppo tempo delegato passivamente alla moglie.

Anche i due figli (Tiziana e Matteo), due ragazzi di vent’anni, andranno in crisi esattamente come i loro genitori, ma ognuno riuscirà a trovare delle risorse interiori inaspettate che porteranno ad un avvincente finale a sorpresa!

Il simpatico intruso Fabrizio Corucci, regalerà sorrisi e colpi di scena a questa meravigliosa e scombinata famiglia.

Un suggerimento, rivolto a tutti, è che forse oggi ancora di più che in passato, la famiglia per sopravvivere ai cambiamenti deve trovare anche lo spazio per il singolo, per l’individuo e non solo per il ruolo che ricopre (madre, padre, figlio).

 

TEATRO MANZONI

ORARI: feriali ore 20,45 – domenica ore 15,30

 

BIGLIETTI:
Poltronissima Prestige € 35,00 – Poltronissima € 32,00 – Poltrona € 23,00

Poltronissima under 26 € 15,00

Primavera poetica

Incontro aperto a tutti i poeti che vorranno condividere le loro poesie dedicate alla primavera

Appuntamento a Milano il 22 aprile dalle 17,30 alle 19,00

Milano, 21 marzo 2018 – Il 21 marzo si celebra la Giornata Mondiale della Poesia che è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999. La data, che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce alla poesia un ruolo fondamentale nella promozione del dialogo, della comunicazione e della pace fra le culture.

La primavera rappresenta la rinascita: dopo il lungo inverno la natura si risveglia e i fiori sbocciano, donando nuovi colori e nuova luce alle città ed è uno dei temi più amati dagli artisti.

Per celebrare l’arrivo della primavera, la Fondazione Amici di L. Ron Hubbard organizza un incontro aperto a tutti i poeti che vorranno declamare le loro poesie, da un minimo di una ad un massimo di due poesie ciascuno; ogni autore dovrà pertanto partecipare all’incontro per la lettura delle proprie poesie.

La ‘Primavera Poetica’, questo è il titolo dell’incontro, si terrà il 22 aprile dalle 17,30 alle 19 presso l’Hotel TownHouse – Galleria Duomo – Sala Ottagono Lounge -Via Silvio Pellico, 8 Milano – MM Duomo.

Per partecipare è necessario iscriversi inviando le proprie poesie alla segreteria della Fondazione Amici di Ron all’indirizzo segreteria@premiodipoesia.it.

La partecipazione, che comprende un coffee-break, ha un costo di 10 euro.

Per maggiori info:

 www.premiodipoesia.it

https://www.facebook.com/amicidiron.concorsodipoesia/

 

IL MAGICO ZECCHINO D’ORO

Sabato 24 marzo 2018 ore 15,30

Domenica 25 marzo 2018 ore 11,00

IL MAGICO ZECCHINO D’ORO

Il Caffè della Peppina, Volevo un Gatto Nero oppure Quel bulletto del carciofo.

Chi di noi, almeno una volta, non ha sentito e cantato queste canzoni?

Canzoni che hanno segnato la nostra infanzia e che, oggi, rappresentano e raccontano la vita dello Zecchino d’Oro il celebre festival canoro dedicato ai bambini giunto, ora,  ai suoi primi 60 anni.

Un compleanno importante quindi che sarà festeggiato con un regalo speciale.

Un regalo in musica che vuole rendere omaggio a un appuntamento diventato tradizione. Un appuntamento che ha saputo attraversare gli anni con sobrietà, leggerezza ed eleganza senza mai perdere di vista la propria identità. Ecco allora Il Magico Zecchino d’Oro” un titolo che già è un programma.

Un musical davvero particolare nato dalla collaborazione tra Antoniano di Bologna, Fondazione Aida di Verona e Centro Servizi Culturali Santa Chiara di Trento con il sostegno di Geomag l’azienda grazie alla quale si è resa possibile la produzione.

Un appuntamento da non perdere per quella che si preannuncia essere una data tanto attesa quanto importante. Un doppio appuntamento, il 24 e 25 Marzo, per accogliere questo musical che porterà allegria e divertimento.

Cosa aspettarsi dal “Il Magico Zecchino d’Oro”?

Uno spettacolo nello spettacolo in cui le canzoni saranno protagoniste assolute insieme alla fantasia e un pizzico di magia. Ricordi, emozioni, sensazioni, momenti vissuti e da rivivere questo e tanto altro sarà presente in quello che può essere definito un fantasy musicale in grado di sorprendere tutti, grandi e piccini.

Protagonista della trama Alice una bambina che, a volte, ha paura del buio. Con lei, in scena, l’Omino della Luna che manda i sogni ai bimbi mentre dormono grazie al tintinnio dello zecchino d’oro di cui, invece, vuole impadronirsi la Strega Obscura. Non mancheranno, poi, le avventure e gli incontri con alcuni dei personaggi più famosi delle canzoni che hanno fatto la storia dello Zecchino d’Oro.

Un regalo che l’Antoniano si fa e ci fa per vivere insieme quest’occasione davvero particolare nel suo genere.

La regia de “Il Magico Zecchino d’Oro” è affidata a Raffaele Latagliata che, diplomatosi presso la BSMT Bernstein School of Musical Theatre, vanta una lunga collaborazione con la Compagnia della Rancia.

Insieme a Pino Costalunga, attore e regista esperto di letteratura per l’infanzia, curerà anche la drammaturgia.

Il team creativo è una conferma per le produzioni musical di Fondazione Aida.

Le scenografie di Andrea Coppi, i costumi e gli oggetti di scena di Antonia Munaretti con Nadia Simeonova, le coreografie curate da Elisa Cipriani e Luca Condello ballerini solisti del Corpo di ballo dell’Arena di Verona, gli arrangiamenti musicali a firma di Patrizio Maria D’Artista giovane compositore e arrangiatore di colonne sonore per cinema e teatro.

Importante il contributo dello scenografo Paolino Libralato che rappresenta un grande valore aggiunto.

Il cast una vera garanzia con Gennaro Cataldo, Stefano Colli, Enzo Forleo, Maddalena Luppi, Giada Maragno e Rebecca Pecoriello.

Le canzoni saranno protagoniste assolute di questa produzione.

I testi musicali più celebri e più conosciuti dello Zecchino d’Oro sono stati selezionati appositamente per diventare la colonna sonora de “Il Magico Zecchino d’Oro”.

Canzoni che sono state pensate dai bambini, cantate e votate da loro nel corso degli anni e  che ora, in questa particolare occasione, diventano parte integrante della drammaturgia teatrale.

Protagoniste in modo nuovo, rinnovato e rivisitato pur mantenendo il loro stile e la loro autenticità.

Una curiosità, questa, che rappresenta anche il valore aggiunto del “Il Magico Zecchino d’Oro” che si rivela essere davvero uno spettacolo coinvolgente e adatto a tutti, grandi e piccini.

BIGLIETTI: Adulti € 18,00; Bambini  fino a  14 anni € 14,00; Under 3 anni € 4,50

Galleria fotografica

http://www.myebook.com/ebook_viewer.php?ebookId=122614
Accedi | Disegnato da LM Media