Rubriche archiviate per: Bacheca

ESSERE O BENESSERE

15 ottobre 2018 – ore 20,45

GIOVANNI D’ANGELLA

in

 ESSERE O BENESSERE

scritto da Giovanni d’Angella con Giuseppe Della Misericordia

regia Riccardo Piferi

coreografie Emilia Briano

musica de I FATTI COSI’

Dopo i successi televisivi di Colorado su Italia1 ed Eccezionale Veramente su La7, dove ha interpretato il celebre personaggio del Pigro, e le precedenti esperienze a Zelig Off, Zelig Circus, Tu Si Que Vales, Metropolis e il Comedy Tour su SKY, Giovanni d’Angella conquista il prestigioso palco del Teatro Manzoni, già a lui familiare per le assidue precedenti partecipazioni come coach al Manzoni Derby Cabaret.

Questa volta ci propone uno spettacolo innovativo e esilarante, sull’eterna lotta, non tra il bene ed il male, ma tra il bene ed il benessere.

Barese di nascita e milanese di adozione, d’Angella racchiude in sè la solarità della Puglia e l’intraprendenza del Nord. In scena Giovanni è vero e sincero, capace di trascinare il pubblico e farlo ridere fino alle lacrime.

In Essere o Benessere ogni spettatore ritroverà completamente sé stesso e la propria quotidianità. Sul palco Giovanni è tutti Noi. È l’Avatar che, con intelligente ironia, mette in scena i nostri vizi, i nostri costumi e le nostre speranze.

“Perché stiamo sul divano pur sapendo che per stare bene dovremmo andare a correre?”

“Perché mangiamo il tiramisù pur sapendo che per stare bene dovremmo mangiare i broccoli?”

“Perché ogni mattina cerchiamo di guadagnare più soldi e la sera diciamo che i soldi non fanno la felicità?”

Tutte queste domande fanno nascere un dubbio amletico:

“Ma il benessere alla fine ci fa bene o ci male?”

Note di Regia

 

Essere o Benessere è uno spettacolo comico con il ritmo e l’energia di un concerto rock. A metà strada tra la moderna Stand up comedy e il classico teatro brillante. È uno show fisico, di movimento, con ampi respiri e ritmi serrati. La mimica, le camminate, la gestualità di Giovanni nell’interpretare ogni personaggio completano un lavoro, dove gli attualissimi  temi e la freschezza interpretativa si mescolano con i meccanismi del teatro anni 70, portando nuovamente il teatro nel teatro, come spesso accadeva quando lavoravo con Paolo Rossi e Enzo Jannacci.

Le luci, le atmosfere e la musica live dei 3 musicisti Gianluca Turconi, Marcello Calcagnile e Fazio Armellini, che sono anche attori, amplificano l’effetto di un performer scatenato ed elegantemente coinvolgente»

Riccardo Piferi

sito www.giovannidangella.com

fb www.facebook.com/giovannidangellawww.facebook.com/giovanni.dangella3

instagram www.instagram.com/giovannidangella/

 

BIGLIETTI

Prestige € 20,00 – Poltronissima € 18,00 – Poltrona € 15,00 – Under 26 anni € 12,50
 

 

 

 

BIANCANEVE E I SETTE NANI

BIANCANEVE E I SETTE NANI

Milano

TEATRO MANZONI

DOMENICA 4 NOVEMBRE ORE 15.30

LUNEDI’ 5 NOVEMBRE ORE 20.45

Il balletto classico di repertorio Biancaneve e i sette nani arriva al Manzoni di Milano, nella sua versione professionale, mai rappresentata in Italia.

Per due anni di fila, lo spettacolo ha registrato il sold out al teatro degli Arcimboldi, nella versione degli alunni dell’Accademia Ucraina di Balletto.

Ora viene proposto dal Balletto Ucraino, una compagnia stabile che nasce dalla pluriennale esperienza dell’Accademia Ucraina, costituita da ballerini diplomati formatisi secondo la rigida tradizione classica della Metodica Vaganova dei paesi dell’Est.

Il Balletto Ucraino è l’unica compagnia in Italia a detenere i diritti originali, con le musiche di Bogdan Pavlovskij e le coreografie di G. Maiorov.

NADEJDA SCEPACIOVA, ex prima ballerina del Teatro dell’Opera della

Moldavia, oggi docente dell’Accademia, sarà la protagonista del

Balletto a fianco di GENADIJ ZHUKOVSKIJ, primo ballerino del Teatro dell’Opera di Vilnius.

Realizzato per la prima volta in questa versione al teatro dell’Opera di Kiev nel 1975, questo spettacolo, presente nel repertorio di tutti i più grandi teatri dell’Est Europeo compreso il teatro Bolshoi, è una produzione per bambini e genitori ed è un modo per avvicinare i più piccini al mondo del teatro e della danza attraverso la famosissima e amatissima favola dei Fratelli Grimm. Gli animali del bosco, i fiori e le piante prendono vita e vi portano nel magico mondo di Biancaneve, mentre i sette buffi nani sono protagonisti di momenti di grande divertimento e risate. Il tutto su note musicali appassionanti e con vivaci e colorati costumi.

Il pubblico viene proiettato nella magia di una storia con la quale siamo tutti cresciuti e con la quale sicuramente cresceranno anche i bimbi di questa generazione senza per questo penalizzare tutte le caratteristiche del repertorio classico. Non mancheranno quindi tecnica, virtuosismi, scenografie e costumi di altissimo livello.

QUANDO:

dom, 04/11/18, 15.30 Teatro Manzoni.
Via A. Manzoni 42, 20121 MILANO

lun, 05/11/18, 20.45 Teatro Manzoni.
Via A. Manzoni 42, 20121 MILANO

BIGLIETTI: da 18 a 27 euro + prevendita.

RIDUZIONI GRUPPI E SCUOLE DI DANZA

Biglietteria
Via Manzoni, 42 – Milano
Per prevendita telefonica: numero verde 800 914 350 (Attivo da rete fissa, in orari di cassa)
Per informazioni: telefono 02 7636901
cassa@teatromanzoni.it

Orari biglietteria durante la stagione teatrale
Lunedì – sabato 10.00 – 19.00
La biglietteria è aperta anche 45 minuti prima di ogni spettacolo

Orari biglietteria durante la Campagna abbonamenti
Lunedì – venerdì 10.00 – 19.00

Telefono
Call Center 02 00634555
Attivo tutti i giorni dalle 10.00 alle 21.00
per informazioni e prevendita telefonica con pagamento con carta di credito e ritiro la sera stessa presso la biglietteria del Teatro

Online
L’acquisto online sul sito del Teatro è semplice e veloce.
Acquistando online puoi:

  • scegliere il posto sulla pianta della sala
  • stampare il biglietto a casa scegliendo la modalità stampa a casa, ed entrare direttamente in sala senza attesa in biglietteria per il ritiro del biglietto.
  • se non hai le possibilità di stampare, puoi scegliere il ritiro del biglietto presso la biglietteria prima dell’inizio della rappresentazione. In questo caso ti consigliamo di presentarti 30 minuti prima dell’inizio.

 

Smartphone e Tablet

Scaricando da AppStore l’applicazione gratuita Teatro Manzoni per iPhone e iPad.
La semplicità dell’acquisto online disponibile anche dal tuo smartphone e tablet. Pagamento con carta di credito.

Totem automatico

Disponibile nell’atrio del Teatro, anche al di fuori degli orari di biglietteria, per l’acquisto autonomo di biglietti con pagamento con carta di credito e bancomat.

A testa in giù

Dall’11 al 28 ottobre 2018

 

ErreTiTeatro30

presenta

Emilio Solfrizzi   Paola Minaccioni

A TESTA IN GIU’

L’envers du decor

di Florian Zeller

traduzione Giulia Serafini

 

con Viviana Altieri e Bruno Armando

regia Gioele Dix

scena Andrea Taddei costumi Barbara Bessi luci Carlo Signorini

musiche Savino Cesario, Silvano Belfiore

assistente regia Sara Damonte

 

NOTE DI REGIA

Daniel invita a cena, contro il consiglio di sua moglie, Patrick suo migliore amico e la sua nuova partner Emma per la quale ha lasciato la moglie. Emma, giovane e carina provoca una tempesta negli animi dei commensali, scuotendo le loro certezze, risvegliando frustrazione, gelosia e invidia.

L’originalità di A testa in giù sta nel fatto che il pubblico è testimone dei pensieri dei personaggi che parlano in disparte. Grande gioco di attori che svelano con la tecnica del doppio linguaggio una verità comica, crudele e meravigliosamente patetica.

Il testo è stato portato in scena, nel gennaio 2016, al Théâtre De Paris, con Daniel Auteil nel ruolo di protagonista e regista. Da tempo desideravo lavorare con e per Emilio Solfrizzi. Ci unisce un’antica amicizia e una comune, istintiva fiducia nell’arte della commedia. Ed ecco l’occasione: un nuovo testo di Zeller che sembra scritto apposta per esaltare le sue qualità di comico naturale e di raffinato interprete.

A testa in giù è costruito sull’idea che i personaggi, oltre a parlare normalmente fra loro, esprimano ad alta voce di fronte al pubblico anche i propri pensieri. L’effetto è dirompente e trasforma una comune vicenda in un formidabile e spassoso labirinto di gesti e parole.

Per le attrici e gli attori si tratta di recitare su un doppio binario, una prova al tempo stesso complicata ed esaltante.

Emilio Solfrizzi è un esilarante Daniel, editore colto e maturo, le cui certezze improvvisamente si sgretolano di fronte alla scelta di Patrick (l’ottimo Bruno Armando), amico di un vita, che decide di abbandonare la moglie per mettersi con Emma (la bravissima Viviana Altieri), giovane aspirante attrice. Un avventato e inopportuno invito a cena trasforma l’innocua serata in una sorta di regolamento di conti fra gaffe, equivoci e incomprensioni. E Daniel si ritroverà ben presto a mettere interiormente in discussione gran parte della propria esistenza. Ma sarà la moglie Isabelle, con le sue brillanti doti di saggezza e di acuminata ironia, a salvarlo dal preoccupante precipizio. Nel difficile ruolo della coprotagonista c’è per fortuna Paola Minaccioni, fuoriclasse del teatro comico e non solo, attrice sensibile e versatile, una garanzia.

A testa in giù, uno spettacolo originale e sorprendente che non potrà non piacervi, se amate le commedie intelligenti.

Gioele Dix

BIGLIETTI:
Poltronissima Prestige € 35,00 – Poltronissima € 32,00 – Poltrona € 23,00

Poltronissima under 26 € 15,50

 

PERSONAGGI E INTERPRETI

Daniel – Emilio Solfrizzi

Isabelle – Paola Minaccioni

Patrick – Bruno Armando

Emma – Viviana Altieri

 

ORARI:

feriali ore 20,45 – domenica ore 15,30

 

MODA E CIOCCOLATO PER LA LOTTA CONTRO IL CANCRO AL SENO

Il bello e il buono della solidarietà tra le strade del MonteNapoleone District: il 29 settembre una giornata tra shopping benefico e gelato al Ruby chocolate per LILT Milano

Si avvicina il mese di ottobre, dedicato alla campagna Nastro Rosa, e anche quest’anno ad anticipare la 26esima edizione dell’appuntamento dedicato alla prevenzione e alla lotta contro il tumore al seno sarà l’evento di sabato 29 settembre nel cuore del MonteNapoleone District: lo Shopping fa bene alla salute. Un vero e proprio sodalizio tra haute couture e solidarietà, grazie al coinvolgimento di 56 delle prestigiose boutique di moda che costellano le vie del quartiere, che devolveranno il 10% dell’incasso della giornata all’acquisto di un mammografo digitale con tomosintesi per lo Spazio Prevenzione di LILT Milano (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) in via Caterina da Forlì a Milano.

Novità assoluta dell’edizione 2018 sarà la presenza, in piazzetta Croce Rossa, del carretto dei gelati di Milano diventa Rosa, dove si potrà degustare un’inedita interpretazione del gelato artigianale al Ruby Chocolate, proposto in due golose declinazioni firmate da Ciro Fraddanno, ChocoGelato chef del Chocolate Academy Center Milano: Ruby Chocolate con lampone e salsa allo yuzu e Stracciatella di Ruby Chocolate. Presso il carretto inoltre sarà possibile acquistare la tavoletta di Ruby Chocolate prodotta in limited-edition per la campagna.

Prosegue così, dopo la presentazione ufficiale a Palazzo Marino lo scorso giugno, il progetto benefico Milano diventa Rosa, un’iniziativa dedicata a Milano e alle donne promossa dal Chocolate Academy Center Milano e gli Ambassador de Il Cioccolato Buono a favore di LILT Milano, che proprio nel 2018 festeggia il suo 70° anniversario.

Nel mese di ottobre saranno moltissime le occasioni in cui poter contribuire alla raccolta fondi: oltre alle tavolette e al gelato al Ruby Chocolate, a breve sarà lanciata la pralina RosaMilano realizzata da Davide Comaschi, World Chocolate Master  e direttore del Chocolate Academy Center Milano, un pezzo unico in esclusiva per la campagna. Proprio in queste settimane il maître chocolatier sta definendo gli ultimi dettagli della pralina che simboleggerà il progetto Milano diventa Rosa, un connubio tra equilibri di sapori, consistenze e design, elemento a cui Comaschi dedica sempre particolare attenzione.

Di seguito l’elenco dettagliato di tutti gli appuntamenti in programma:

  • Sabato 29 settembre, in piazzetta Croce Rossa in concomitanza con l’iniziativa solidale Lo shopping fa bene alla salute: presenza del carretto dei gelati, vendita della tavoletta;
  • Per tutto il mese di ottobre nei negozi di via Fiori Chiari aderenti alla Campagna Nastro Rosa: vendita della tavoletta;
  • Sabato 13 e sabato 20 ottobre in via Fiori Chiari in concomitanza con la mostra fotografica #fatelevedere: presenza del carretto dei gelati;
  • Sabato 13 e domenica 14 ottobre e sabato 20 e domenica 21 ottobre, all’angolo tra via Brera e via Fiori Oscuri al corner LILT: vendita della tavoletta e della pralina;
  • Dal 13 al 21 ottobre sull’Unità mobile che farà tappa a Milano e in vari comuni dell’hinterland per offrire visite senologiche gratuite: vendita della pralina e della tavoletta;
  • Durante il mese di ottobre negli Spazi Prevenzione di LILT Milano: vendita della pralina e della tavoletta;
  • Durante il mese di ottobre a Sesto San Giovanni in occasione di vari eventi di sensibilizzazione aperti alla cittadinanza: vendita della pralina e della tavoletta.

Tutte le attività della campagna Milano diventa Rosa sono promosse nei canali social dedicati su Facebook, Instagram e Twitter @MilanodiventaRosa e seguite attraverso l’hashtag ufficiale della campagna #ROSAMILANO.

 

Elisabetta Polignano Collezioni Sposa 2019 

                                                         Essere donna è così affascinante. È un’avventura che richiede
un tale coraggio, una sfida che non finisce mai”.
Oriana Fallaci

Un segnale forte e rivoluzionario. Una dichiarazione di vero e profondo rinnovamento nella cultura e nel mondo della Sposa. Un atto di coraggio che svela la natura più profonda dell’essere femminile. Sono un omaggio alla figura della Donna, “primo motore” del mondo e fonte inesauribile di amore e di energia, le nuove Collezioni Sposa 2019 di Elisabetta Polignano.

Sono un omaggio speciale al cuore del lavoro della stilista, le donne vere e la loro bellezza autentica, ma anche ai momenti storici legati all’affermazione della donna nella società, alla centralità della sua figura, all’importanza dell’emancipazione femminile, per arrivare alla libertà, all’indipendenza e alla piena realizzazione di sé. Una sorta di ‘viaggio’ per raccontare il coraggio di osare e la forza delle passioni, una narrazione che abbraccia quasi un secolo e getta uno sguardo positivo su un futuro luminoso, ricco di progettualità, idee e nuove energie. Un atto d’amore per il vero made in Italy, che si rinnova e si riafferma con forza, di cui Elisabetta Polignano è da sempre promotrice e sostenitrice e che quest’anno ha deciso di dedicare alla “pioniera della Moda italiana nel mondo”, la sua ideatrice: la stilista femminista Rosa Genoni.

Gli abiti delle Collezioni Sposa 2019 ripercorrono l’evoluzione della figura e dell’essere femminile dagli inizi del secolo scorso ai giorni nostri, snodandosi in un racconto che dallo stile inconfondibile degli anni Venti arriva a gettare uno sguardo visionario e avveniristico sul futuro. Sono modelli che esprimono un ideale di femminilità completo, rivolto a tutte le donne e in grado di riflettere l’unicità di ognuna, dalla più romantica e sognatrice, alla più grintosa e rock. Il tutto, sempre mantenendo lo stile unico e profondamente innovativo di Elisabetta Polignano, un’eleganza equilibrata e dalla vestibilità perfetta, pensata per ogni tipo di fisicità e che si adatta dolcemente al corpo. Sono capi preziosi, interamente realizzati con tessuti provenienti esclusivamente dalle migliori seterie italiane e lavorati a mano.

Dal morbido tulle di seta alla georgette, dal mikado al lino, dall’impiego innovativo dell’ecopelle ai tessuti-non-tessuti effetto carta, fino all’utilizzo di un’ultramoderna organza di seta ricamata in pvc. Sono abiti trasformabili e tridimensionali, dalle forme molteplici: più strutturate e dai volumi esasperati, morbide e fluttuanti, ampie e scivolate.

Trovano spazio anche dettagli speciali, come le rose che sembrano sbocciare da romantici pizzi o stilizzate, ricamate in seta o stampate, che richiamano le fantasie degli abiti di Rosa Genoni e i fiori nobili della sposa per antonomasia. Sì anche a elementi sovrapponibili come cappe, mantelle e giubbotti corti, cinture e sopragonne rimovibili, che rendono i diversi modelli adatti anche per la sera e per gli altri momenti della festa. I colori dominanti vanno dal classico bianco seta all’avorio, dall’azzurro all’oro, dalle varie sfumature del rosa fino al fucsia e al verde.

I capi delle Collezioni 2019 vogliono celebrare l’eroina che si cela in ogni donna, ripercorrendo le tappe della sua evoluzione nel tempo, il suo cammino verso l’emancipazione, il coraggio di osare e la libertà di poter vivere le proprie passioni – spiega Elisabetta Polignano –. Perciò abbracciano tutte le sue sfaccettature, colgono le molteplici personalità di ognuna. Dalle grandi che ci hanno precedute a ciascuna di noi, alle prese con le sfide del nostro tempo, della nostra quotidianità: per questo ho voluto dare ai modelli tutti nomi di donne che si sono affermate nella Storia attraverso le loro lotte e le loro conquiste”.

Sono abiti che celebrano stili diversi, raccontano la donna romantica e boho-chic, shabby e country, glam e dall’animo rock. Affinché ciascuna non debba mai rinunciare alla sua essenza più profonda e possa sentirsi libera di scegliere, senza dover cedere all’omologazione o a compromessi. Perché essere spose oggi è una scelta di grande coraggio e consapevolezza. Perciò ciascun modello può essere declinato in molteplici modi e le linee EP Elisabetta Polignano e Vision riflettono questa trasformazione, questa grande potenzialità.

EP Elisabetta Polignano

Gli abiti della linea Haute Couture EP Elisabetta Polignano esprimono una femminilità elegante e sofisticata. Sono capi molto ricercati ma non artificiosi e impostati, ideati per una donna indipendente, decisa e determinata. I tessuti sono particolari e alternativi, all’insegna della trasformabilità e della tridimensionalità. Ampie gonne, giochi di rouches, fantasie stampate. Tra i colori predominanti, le diverse sfumature del rosa, il fucsia, il verde pistacchio.

 

Elisabetta Polignano Vision

Freschi e leggiadri, i capi della linea Vision si caratterizzano invece per le forme scivolate. Sono dedicati a una donna libera e sognatrice, che sceglie di celebrare il suo giorno più importante en plein air e in location insolite e inusuali. Georgette, voile, tulle di seta impalpabile. L’effetto complessivo comunica grande leggerezza e fluidità. I colori predominanti sono tutte le tonalità di bianco, dal seta all’avorio caldo, allo champagne.

Ogni abito di Elisabetta Polignano è unico, perché realizzato interamente a mano, frutto di alta sartorialità e ricerca, raffinato design e profonda innovazione, estrema cura di ogni dettaglio. La stilista vive ogni giorno il laboratorio sartoriale e segue in prima persona ogni fase di lavorazione dei suoi modelli, a partire dalla scelta dei tessuti, tutti rigorosamente provenienti dalle più pregiate seterie  italiane. Sono perciò creazioni riconoscibili al tatto e alla vista, inimitabili. Da oltre vent’anni il brand, nato nel 1997, fa dell’artigianalità e del rispetto del puro made in Italy il suo fiore all’occhiello, insieme all’altissima attenzione per ogni fase del processo creativo. Elisabetta, inoltre, da sempre ama affiancare e guidare con grande passione e profonda empatia le sue future spose, in un percorso fatto di scelta, condivisione, grande complicità e consapevolezza, per rendere unico e indimenticabile il loro giorno più importante.

 

MIPEL114

Tradizione e artigianalità, estro creativo e innovazione: questa è la ricetta del MIPEL che funziona. La visita di circa 13.000 visitatori qualificati – in miglioramento rispetto alle ultime due edizioni – ne è il risultato.

Si conclude oggi 19 settembre 2018 l’edizione 114 di MIPEL, la terza sotto la regia di Danny D’Alessandro, Direttore Generale di Assopellettieri e Amministratore Delegato di Mipel, manifestazione che gode di consolidate collaborazioni con ICE-Agenzia, Ministero dello Sviluppo economico, Regione Lombardia, Comune di Milano, Camera Nazionale della Moda Italiana e Camera Italiana Buyer Moda.

Crescono sia il numero degli espositori che quello dei visitatori. Per la terza volta consecutiva è stato raggiunto l’obiettivo del “tutto esaurito”: oltre 65 i nuovi espositori all’interno del Padiglione 10, che ha visto anche raddoppiarsi gli spazi espositivi nell’area “SCENARIO”, l’hub di riferimento della “new generation” di pellettieri. All’interno di “MIPEL Hall SPAZIO”, l’area dedicata agli Overseas Manufacturers, collocato al padiglione 12 e direttamente collegato con MIPEL, gli espositori sono stati oltre 90.

Con riferimento ai visitatori, si conferma il trend positivo. Le presenze sono aumentate rispetto a quelle di febbraio 2018 e settembre 2017 – la migliore edizione di sempre, prima di quella appena conclusa – con “picchi” nei primi due giorni di manifestazione. Positive le presenze dei buyer “domestici”, in linea con quelle delle ultime edizioni. Sul fronte dei mercati esteri, è stata registrata una notevole affluenza di visitatori provenienti da Giappone e Corea Del Sud – ciò anche grazie alle recenti e consolidate iniziative di promozione internazionale le cui ultime edizioni si sono tenute a Seoul (ottobre 2017 e marzo 2018) e Tokyo (luglio 2018) -, Cina, Russia e Ucraina (in questo caso in sensibile incremento, pari a circa il 10%). Ottime anche le presenze di visitatori qualificati provenienti da Stati Uniti e Australia. Sul fronte europeo, in leggero calo le presenze di visitatori provenienti dalla Germania, mentre crescono le presenze dei buyer dal Portogallo. “Le due principali novità dell’edizione – la presentazione delle quattro capsule collection realizzate da quattro aziende storiche espositrici di MIPEL con la partecipazione di quattro designer emergenti e grazie alla collaborazione di Assopellettieri e il lancio della collezione ‘discord by Yohij Yamamoto’ – confermano sempre più la mission di MIPEL: hub creativo d’eccellenza, punto d’incontro per i diversi soggetti della filiera produttiva – commenta Riccardo Braccialini, Presidente di Assopellettieri e di MIPEL.

Danny D’Alessandro aggiunge: “Stiamo crescendo e consolidando un ruolo importante a livello internazionale. MIPEL è una piattaforma a disposizione del sistema produttivo della pelletteria e rappresenta un esempio dell’Italia che funziona e che ha voglia di vincere la competizione internazionale. Siamo aperti al futuro e all’innovazione. Chiediamo alle nostre aziende di credere nelle nostre proposte”. La prossima edizione di MIPEL si svolgerà dal 10 al 13 febbraio 2019 presso FieramilanoRho, come sempre in concomitanza con MICAM.

MICAM86 CONFERMA LA LEADERSHIP NEL SETTORE CALZATURIERO

 

MICAM, la manifestazione internazionale della calzatura più importante al mondo, chiude oggi a Fiera Milano (Rho) l’edizione numero 86 con 45.424 visitatori, di cui 27.272 esteri (+4,3%) e 18.152 italiani (+1,6%). Numero di visitatori in linea con l’edizione di settembre 2017 e che registrano un aumento del 2,7% rispetto a febbraio 2018. Sul fronte internazionale si rileva una forte crescita dei visitatori provenienti da Cina e Hong Kong, che insieme crescono del 68,6%; segnali positivi anche dal Nord America con un aumento del 43,2%. Nei mercati UE, ottime le performance della Spagna che segna un incoraggiante +9,6%, seguita dal Portogallo con +4,5% e la Svizzera che si conferma piattaforma logistica di riferimento per il settore con un aumento del +7,8%. Calano Francia e Germania e la presenza di buyer provenienti da Russia e CSI. “MICAM resta una manifestazione a forte vocazione internazionale. Per mantenere questo primato abbiamo chiesto al vicepremier Di Maio, in occasione della sua visita, di liberare quante più risorse possibili a favore delle PMI e lavoro per abbattere il cuneo fiscale – afferma Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici – perché solo in questo modo le aziende potranno pagare di più i dipendenti, guadagnare in competitività e investire, creando ricchezza e favorendo la ripresa dei consumi. È fondamentale inoltre togliere le sanzioni alla Russia che impattano in modo negativo sulla presenza dei loro compratori. Infine urge la creazione di una norma a livello europeo sull’etichettatura di origine obbligatoria per tutelare l’eccellenza della produzione manifatturiera”.

In questa edizione, oltre alle aziende storiche che rappresentano il cuore pulsante della manifestazione, presenti in fiera personaggi illustri come lo stilista americano Tommy Hilfiger, che ha mostrato grande apprezzamento per il Made in Italy. MICAM proseguirà il viaggio simbolico nelle cantiche dantesche nei cieli del Paradiso dal 10 al 13 febbraio 2019

“Alla Ricerca dell’Anima”

Pubblicato il bando di concorso della

Terza Edizione del Premio di Filosofia 

“Alla Ricerca dell’Anima”

 

Milano, settembre 2018 – É stato pubblicato il bando di concorso del Premio Nazionale di Filosofia, indetto dagli Amici di L. Ron Hubbard e giunto alla sua terza edizione.

Dove abita il bello?’ è il tema proposto a tutti i partecipanti che desiderino scrivere un saggio filosofico inedito che potrà avere la lunghezza di lettura massima di quindici minuti (quantificabile in due o tre pagine dattiloscritte nel formato A4).

Il concorso è gratuito ed è aperto a tutte le persone maggiorenni residenti in Italia. Tutte le opere dovranno essere inviate via mail all’indirizzo segreteria@premiodifilosofia.it, unitamente alla scheda di partecipazione, inviata dalla segreteria a tutti coloro che ne faranno richiesta, entro il 31 ottobre 2018.

La Giuria, composta da filosofi, critici, professionisti, artisti ed esponenti del mondo culturale, sceglierà, a giudizio insindacabile, le opere meritevoli.

Al vincitore assoluto del concorso, durante la serata di premiazione, oltre all’attestato di merito, sarà consegnato un premio simbolico di euro 365. Il premio indica quanto la filosofia possa avere uno spazio in ciascuno ogni giorno dell’anno, quanto poco basti per impegnarsi in un’attività di pensiero e quanto la filosofia sia alla portata di tutti, senza cadere nel luogo comune che sia un’attività a cui relegare solo i filosofi ed i pensatori.

A tal proposito questa terza edizione del Premio di Filosofia ha creato una collaborazione di intenti con la seconda edizione del Filomeeting di San Fermo della Battaglia, in provincia di Como, dove, il 13 e 14 ottobre, si terrà una due giorni di approfondimenti filosofici e laboratori di filosofia per grandi e piccini sul tema “La cura della vita”.

La cerimonia di premiazione si terrà il prossimo 18 novembre alle ore 16:30 a Modena presso il Palazzo dei Musei; Il giorno della premiazione, non a caso, coincide con la settimana in cui si celebra la Giornata Mondiale della Filosofia indetta dall’UNESCO, a cui il premio si richiama.

Tutti gli esseri umani, aldilà delle differenze, sono eguali nell’esercizio della loro ragione e del loro pensiero critico, ed è questo il modo attraverso il quale saremo in grado di costruire una società sempre più equa e sostenibile’ – sono le parole di Irina Bokova, Direttrice Generale dell’Unesco, che hanno ispirato il Premio Nazionale di Poesia indetto dall’Associazione Amici di L. Ron Hubbard.

Per scaricare il bando:

https://www.premiodifilosofia.it

#ILQUADROGIUSTO

Incontro con l’autrice 

Sabato 8 settembre dalle ore 10

presso la libreria Mondadori di Cinisello

Milano, 3 settembre 2018  – L’8 settembre p.v. dalle ore 10.00 presso  la Libreria Mondadori di Cinisello Balsamo, in via  Giovanni Frova 3, nell’ambito degli “Incontri d’Autore”, l’autrice sarà presente per il consueto firma-copie.

image0011Quali sono i desideri e le aspettative che spingono ad acquistare #ilquadrogiusto?  “Ci sono persone che si rivolgono a una figura professionale come il gallerista per farsi guidare nella scelta di opere d’arte contemporanea. Altre, invece, si affidano al Personal Art Shopper: da qui l’idea di dare qualche consiglio per #ilquadrogiusto, ponendomi l’obiettivo, attraverso  questo manuale, di fornire strumenti di valutazione proprio a voi che desiderate avvicinarvi all’Arte ma non sapete da dove iniziare. Voglio assecondare le vostre esigenze e prevenire le vostre incertezze, guidandovi con semplicità e senza accademismi nel sublime e stimolante mondo dell’Arte”, spiega Eleonora Tarantino che, durante l’incontro del prossimo sabato, risponderà a tante curiosità e domande sull’Arte e i diversi criteri che portano a selezionare un’opera piuttosto che l’altra.

Eleonora Tarantino è Presidente dell’Associazione Culturale Ponti x l’Arte fondata con il critico d’arte Stefano Bianchi.

#ILQUADROGIUSTO manuale del dubuttArte è distribuito nelle migliori librerie italiane e presso gli store online: LaFeltrinelli, Mondadoribookstore, Amazon, La Libreria Universitaria, Unilibro, San Paolo. Il libro è in vendita presso la storica  Librairie Italienne Tour de Babel  in rue de Sicilie a Parigi.

Il libro (80 pagg. al costo di €8,00) sarà in vendita sul sito www.pontixlarte.eu, sui portali di Amazon e eBay, presso le librerie selezionate.

 

Ponti x l’Arte Associazione Culturale

Tel. 335 6926106 info@pontixlarte.eu

 

MILANO DIVENTA ROSA

MILANO, LE DONNE, LA SALUTE E IL CIOCCOLATO…ROSA

In occasione delle celebrazioni dei 70 anni di Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Milano e al lancio nazionale della quarta tipologia di cioccolato Ruby Chocolate dallo straordinario colore rosa, Chocolate Academy Center Milano organizza un grande progetto charity

 

Milano diventa Rosa è un progetto charity promosso dal Chocolate Academy Center Milano a favore di LILT Milano, in collaborazione con gli Ambasciatori de Il Cioccolato Buono, un team di illustri chef, pastry chef, mixologist e professionisti dell’area enogastronomica, e il patrocinio del Comune di Milano che vedrà tutta la città coinvolta in un fitto calendario di eventi e iniziative a partire da giugno sino a dicembre 2018.

Il primo appuntamento sarà il Ruby Chocolate Party che si terrà il 19 giugno alla Chocolate Academy dove dalle ore 18.00 sarà possibile vivere una full immersion nel mondo del Ruby Chocolate. Grazie ad una donazione a LILT gli ospiti riceveranno una tavoletta di cioccolato rosa e una t-shirt limited-edition e potranno gustare l’esperienza Ruby nella versione gelato, pralina, cocktail e salato.

Il Ruby Chocolate è una scoperta eccezionale – afferma Davide Comaschi direttore di Chocolate Academy Center Milano l’occasione migliore per raccontare il cioccolato in Italia e fare del bene. La nostra scuola nasce nel 2017 con l’obiettivo di divulgare la cultura del cioccolato in Italia e con i protagonisti della cultura gastronomica italiana abbiamo dato il via ad un nuovo grande progetto sociale: Il Cioccolato Buono che ogni anno darà il suo contributo a campagne charity.”

Il Cioccolato Buono ha come obiettivo la raccolta fondi a favore di LILT Milano per i suoi 70 anni di attività nell’assistenza ai malati e nella promozione della cultura della prevenzione e diagnosi precoce tra la popolazione, giovane e adulta attraverso campagne e iniziative dedicate. In particolare ricordiamo una tra le più importanti campagne di prevenzione rivolta alle donne a livello nazionale: Nastro Rosa portata avanti da LILT Milano sin dal 1992 per sensibilizzare e informare le donne sull’importanza della diagnosi precoce nella lotta contro il tumore al seno, nemico numero uno della popolazione femminile con oltre 50 mila nuove diagnosi in Italia.

Milano, il cioccolato, la solidarietà e la prevenzione femminile: parole chiave per dar vita a un progetto corale che unisce la cultura del cioccolato alla più importante campagna di raccolta fondi dedicata in primis alle donne – dichiara il prof. Marco Alloisio presidente LILT Milano Un’occasione privilegiata per fare di Milano una città sempre più attenta alla figura della donna, alle sue espressioni e al suo ruolo nella società. A Milano inoltre si vive di più e rappresenta un’eccellenza proprio nell’ambito della salute. Sono infatti 70 anni che la nostra Associazione lotta per la vita al fianco dei cittadini – continua il prof. Alloisio –  Siamo nati nel 1948 e di strada in questi decenni ne abbiamo fatta tanta, diventando nel tempo un punto di riferimento per la città di Milano. Abbiamo effettuato, dal 1969 al 2017 3.397.263 visite ed esami di diagnosi precoce, dal 1956 al 2017 circa 520mila interventi di assistenza, dal 1970 al 2017 quasi 1 milione di bambini delle elementari sono stati raggiunti dalle campagne anti fumo. Numeri destinati a crescere così come il nostro impegno nei confronti dei cittadini”.

Il progetto Milano diventa Rosa coinvolge trasversalmente cuochi, testimonial del mondo della cultura e dello spettacolo, brand della moda e del design, i luoghi simboli della città come il Quadrilatero della Moda e gli antichi palazzi della cultura.

Questa iniziativa coniuga perfettamente una cosa buona con una cosa giusta – afferma Pierfrancesco Majorino, Assessore alle Politiche Sociali, Salute e Diritti – il Ruby chocolate prodotto dalla Chocolate Academy sosterrà una campagna positiva e necessaria come quella della LILT, che da anni mette in campo Nastro Rosa per la prevenzione del tumore al seno che colpisce ancora oggi molte, troppe, donne. Dietro questa serie di eventi all’insegna della leggerezza e del gusto c’è l’impegno e il lavoro di donne e uomini quotidianamente al servizio di una causa nobile e importante. Milano e le sue istituzioni sosterranno convintamente questo progetto e ci auguriamo che anche i governi regionale e nazionale facciano altrettanto investendo più fondi sulla sanità, sulla ricerca e soprattutto sulla prevenzione”.

L’iniziativa, dunque, si rivolge alle donne e vuole raccontare le loro storie, la loro forza e le loro attività per le quali sono simbolo di una città che rappresenta l’eccellenza italiana nel mondo.

Sono ricordate grandi figure femminili come Franca Rame, attrice teatrale che durante tutta la sua vita si è distinta per la lotta contro la violenza sulle donne di cui lei stessa è stata vittima. Ma c’è anche Alfonsina Strada che con la sua voglia di vivere e l’amore per la bicicletta ha segnato la prima partecipazione femminile al Giro d’Italia e inoltre per il suo grande amore per le donne e Milano c’è anche la poetessa Alda Merini, la scrittrice Nanda Pivano, l’architetto Gae Aulenti, la giornalista Franca Sozzani, l’attrice Rosanna Schiaffino e la stilista Mariuccia Mandelli.

Ed è proprio a queste donne che gli chef e pastry chef del team Il Cioccolato Buono, tra cui ricordiamo gli chef Davide Oldani, Enrico Cerea, Matias Perdomo e Sara Preceruti, i pastry chef Loretta Fanella, Luigi Biasetto, Federica Russo e Fabrizio Galla, il bakery chef Matteo Cunsolo e il mixologist Cristian Lodi, dedicheranno alcune ricette utilizzando il Ruby chocolate. I piatti saranno in degustazione nel mese di ottobre, mese dedicato alla prevenzione al tumore al seno, presso i loro locali e durante una cena benefica esclusiva alla fine della campagna Nastro Rosa.

Rosa è il colore della quarta categoria di cioccolato che il Chocolate Academy Center Milano presenterà sul mercato italiano: un prodotto unico nel colore naturale e nel sapore che sta facendo impazzire tutto il mondo. Grazie al suo direttore, il Campione del Mondo del Cioccolato Davide Comaschi, l’Academy produrrà ad hoc per l’iniziativa una serie di prodotti dedicati a LILT: una tavoletta, un cioccolatino e un panettone che potranno essere degustati da tutti in anteprima con una semplice donazione. Milano diventa Rosa avrà risalto anche a livello internazionale durante il SIGEP 2019, la fiera per professionisti dedicata alla pasticceria, alla cioccolateria e alla gelateria più importante d’Europa, dove gli Ambassador de Il Cioccolato Buono racconteranno la campagna e Ruby chocolate in uno spazio dedicato.

 

Galleria fotografica

http://www.myebook.com/ebook_viewer.php?ebookId=122614
Accedi | Disegnato da LM Media