Mostre

Triennale Milano riapre dal 4 giugno

Triennale Milano riapre dal 4 giugno con il Museo del Design Italiano e il Giardino Giancarlo De Carlo, entrambi a ingresso gratuito (prenotazione obbligatoria). Dal 15 giugno parte Triennale Estate.

Da giovedì 4 giugno Triennale Milano riapre al pubblico il Museo del Design Italiano e il Giardino con ingresso gratuito e orari speciali. Una scelta che vuole venire incontro a tutti i visitatori e promuovere l’attività culturale e artistica in un momento delicato e importante per Milano e i suoi cittadini.

Inoltre, da lunedì 15 giugno, in Giardino partirà la programmazione di Triennale Estate, un nuovo progetto rivolto a tutta la città per tornare a vivere insieme la cultura che verrà presentato alla stampa, in Triennale, il 4 giugno alle ore 11.00.

Afferma Stefano Boeri, Presidente di Triennale Milano: “Serve oggi un cambio di paradigma: musei, teatri, istituzioni culturali devono ripensare le loro modalità di produzione culturale. Oltre a un utilizzo esteso della comunicazione digitale (che Triennale per prima ha sperimentato con Triennale Decameron), dobbiamo imparare a usare in modo pervasivo gli spazi aperti delle nostre piazze, parchi e giardini. Per questo abbiamo appositamente studiato per il Giardino della Triennale un programma di eventi, dialoghi, performance e momenti di relax – nella più completa garanzia di sicurezza per il pubblico. Con l’opportunità di visitare – gratuitamente – la straordinaria collezione dei capolavori del design italiano. Consapevoli dell’energia creativa che questi oggetti e la prossimità con gli alberi del Parco Sempione potrà trasmettere al pubblico di Triennale Estate.”

Il Museo del Design Italiano e il Giardino di Triennale saranno aperti dal martedì alla domenica, con i seguenti orari: martedì – venerdì ore 17.00 – 21.30 (ultimo ingresso ore 20.30), sabato e domenica ore 11.30 – 21.30 (ultimo ingresso ore 20.30).

Riprenderanno il servizio il ristorante Terrazza Triennale e il Caffè in Giardino. 
Altri spazi del palazzo resteranno chiusi al pubblico per il proseguimento dei lavori interrotti per l’emergenza sanitaria.

La tutela della salute dei visitatori e del personale è la priorità di Triennale. Per garantire una riapertura in tutta sicurezza è stato predisposto un piano che permette l’accesso agli spazi nel rispetto delle prescrizioni governative e regionali. L’accesso avverrà tramite prenotazione obbligatoria, attraverso il sito www.triennale.org, con ingressi contingentati e organizzati in fasce orarie.
I visitatori saranno sottoposti al controllo della temperatura tramite apparecchiatura no-contact e dovranno indossare sempre la mascherina (anche in Giardino). Lo spazio sarà dotato di numerosi erogatori di soluzione disinfettante per le mani e il percorso di ingresso e uscita sarà gestito attraverso segnaletica e assistenza da parte del personale di Triennale. Sarà garantito il servizio ripetuto di pulizia e sanificazione degli ambienti di servizio e delle superfici.

I Partner Istituzionali Eni e Lavazza, il Partner Tecnico ATM, il Partner di Triennale Estate Artemide e il Partner Tecnico di Triennale Estate Ethimo sostengono Triennale Milano per la programmazione estiva.

Come si svolgerà la visita in Triennale
All’arrivo nell’atrio di Triennale, il visitatore dovrà attendere il proprio turno di ingresso, mantenendo la distanza di sicurezza e seguendo la segnaletica.
Verrà sottoposto a misurazione della temperatura tramite termo scanner e in caso di risultato uguale o superiore ai 37.5 gradi non potrà accedere e dovrà rientrare a casa.
Dopo la rilevazione della temperatura, dovrà mostrare al controllo accessi la prenotazione sul suo smartphone o la versione Print@Home, senza passare dalla biglietteria. La prenotazione è necessaria anche per recarsi al Caffè in Giardino.
In tutti gli spazi il visitatore dovrà indossare la mascherina e igienizzare le mani con la soluzione disinfettante erogata dai dispenser posizionati lungo il percorso. Dovrà sempre seguire la segnaletica e mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro dagli altri visitatori e dai mediatori culturali. Saranno vietati gli assembramenti.

 

Pubblicità